Bando INAIL sicurezza 2016: gli incentivi per la rimozione amianto

Bando INAIL sicurezza 2016

L’INAIL, attraverso il Bando ISI 2015 (l’importante iniziativa che consente alle imprese di ottenere un contributo a fondo perduto fino a 130mila euro per progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori) ha previsto una particolare misura che andrà a finanziare i progetti che riguarderanno la bonifica da materiali contenenti amianto. Le aziende che presenteranno progetti di bonifica amianto potranno beneficiare di un contributo in conto capitale da parte dell’INAIL fino ad un massimo di 130mila euro, pari al 65% delle spese complessive.

Gli interventi incentivati
Gli interventi incentivati fanno riferimento a 3 macro-categorie tematiche:
– progetti di investimento;
– progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
– progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

Focalizziamoci su tale ultima categoria: per amianto si intendono le sostanze indicate nell’art. 247 del Testo Unico sulla Sicurezza (d. lgs. 81/2008) ed in particolare: actinolite d’amianto, grunerite d’amianto, antofillite d’amianto, crisotilo, crocidolite e temolite d’amianto.

Leggi anche l’articolo Rimozione e bonifica amianto: come redigere il piano di lavoro.

Interventi ammessi
Gli interventi ammessi nell’ambito dei progetti di bonifica amianto sono differenti: l’importante è che siano affidati e eseguiti da aziende qualificate ed iscritte nell’Albo Nazionale Gestori Ambientali ed in particolare:
– rimozione di intonaci in amianto applicati a cazzuola o coibentazioni;
– rimozione di MCA da mezzi di trasporto;
– rimozione di MCA da impianti e attrezzature;
– rimozione di piastrelle e pavimentazioni in vinile amianto;
– rimozione di cassoni, canne fumarie, pareti, conduttore costituiti da cemento amianto.

Sono ammessi solo quei progetti che prevedono oltre alla rimozione del materiale contenente amianto anche il relativo trasporto e smaltimento presso discariche autorizzate. Non saranno ammesse le iniziative che prevedono la mera rimozione. Inoltre, i progetti non possono essere presentati da aziende che detengono la proprietà di un immobile locato ad altre aziende.

Bando INAIL (ISI 2015): come fruire dei contributi
In caso di ammissione all’agevolazione, le imprese beneficiarie dovranno presentare una serie di documentazione per l’ottenimento del contributo
– fatture relative agli interventi effettuati;
– documentazione attestante la quietanza dei lavori eseguiti;
– piano di lavoro redatto ai sensi dell’art. 256 del d. lgs. 81/2008;
– l’iscrizione del fornitore all’elenco delle aziende qualificate;
– copia del formulario di trasporto dello smaltitore o la documentazione SISTRI.

Amianto: Guida pratica per la gestione dei manufatti

Amianto: Guida pratica per la gestione dei manufatti


M.C. Di Cosimo , 2015, Maggioli Editore

La presenza di amianto o di materiale contenente fibre di amianto sul territorio, a causa del massiccio impiego che ne è stato fatto nel secolo scorso, costituisce una problematica storica di particolare rilievo visto il prezzo che è stato pagato in termini di vite umane...


8,90 € 7,92 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico