Barriere a lama d’aria, funzionamento e vantaggi

Negli edifici dove le porte d’ingresso sono continuamente aperte e chiuse è utile bloccare l’afflusso di aria esterna indesiderata durante il periodo invernale e proteggere gli spazi interni durante il periodo estivo contro l’ingresso di aria calda.

 

Le barriere a lama d’aria non trattano climaticamente l’aria, ma sono un valido ausilio all’impianto di termo-condizionamento: posizionate nella parte superiore di un accesso, isolano l’ambiente dall’esterno creando un velo d’aria continuo e intenso che scende ad alta velocità verso il pavimento. Funzionano come una vera e propria “tenda” protettiva che non permette all’aria trattata all’interno dei locali di mescolarsi con quella esterna, riducendo i consumi energetici e aumentando il comfort indoor.

 

La barriera a lama d’aria rappresenta quanto di più innovativo esista sul mercato per creare una porta “invisibile” tra locali con diverse temperature. Questi sistemi trovano una collocazione ideale nei locali pubblici o commerciali dove è necessario separare climaticamente aree e locali, pur mantenendo una continuità che consenta il passaggio senza ostacoli, e dove il tempo di apertura delle porte assume una rilevanza particolare in relazione agli impianti di climatizzazione interni (negozi, celle frigorifere, capannoni, supermercati, reception, magazzini, palestre).

 

A causa della differenza di temperatura che si genera, infatti, vi è una progressiva perdita di potenza dell’impianto di termo-condizionamento, oltre a scompensi igrometrici notevoli e disagio per il pubblico, che riduce il proprio tempo di permanenza. Le barriere d’aria sono molto efficaci anche per  l’accesso con automezzi in locali per carico/scarico merci in industrie, parcheggi o locali adibiti all’ingresso di ambulanze, senza perdere tempo ad aprire e chiudere porte e accessi.

 

Funzionamento
La cortina d’aria viene creata grazie alla presenza di piccoli impianti sistemati in prossimità della porta di ingresso, che creano una sorta di un getto d’aria che si muove in modo ascendente o discendente. Grazie a questa barriera invisibile, le masse d’aria in transito esterno/interno vengono bloccate, limitando la variazione della temperatura interna. L’impianto lavora come un fan coil ad inverter con condensatori ed evaporatori che prelevano aria dall’esterno e creano il getto verticale continuo. A seconda della stagione in cui ci si trova, l’aria viene miscelata in temperature diverse e a differenti velocità di erogazione, in modo da raggiungere la condizione ottimale per il passaggio delle persone.

 

Vantaggi
La corretta installazione di porte a lama d’aria crea situazioni di sicuro benessere e di risparmio energetico, riducendo drasticamente il consumo energetico di riscaldamento e raffrescamento, in particolar modo quando esiste una rilevante differenza di temperatura tra l’aria interna e l’aria esterna.

 

Ma risulterebbe assai riduttivo limitarsi a valutarne le prestazioni nei soli termini di efficienza. Con questi impianti si può prevenire l’ingresso di agenti contaminanti, allergenici e odori dall’esterno (gas di scarico, pollini, particelle, fumi, polveri sottili), tutelando la qualità dell’aria; le barriere d’aria impediscono efficacemente l’ingresso di insetti, dato che essi non riescono ad attraversare flussi d’aria a velocità superiore a 1 m/s; si riesce ad impedire l’ingresso di aria umida, che, specialmente in estate, costituisce  un pesante carico aggiuntivo per l’impianto di condizionamento; si neutralizza l’azione di brezze e venti leggeri che potrebbero creare disagio nelle zone prossime all’ingresso.

 

Installazione
In genere, in caso di piccole porte con altezze interno ai 3 metri, non ci sono problemi di rilievo o parametri da valutare in precedenza. In caso di luci più grandi o a carattere industriale è necessario rivolgersi a professionisti per i calcoli progettuali, dato che le problematiche tecniche sono maggiori e dipendono anche dai parametri climatici della zona in cui ci si trova. Un intervento mirato può essere effettuato mediante porta con il sistema già integrato. Alcuni modelli sono inoltre disponibili nelle versioni ad installazione verticale.

 

Articolo di Andrea Cantini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico