Case fantasma: record per la Lombardia

Sono più di due milioni le case disabitate e inutilizzate in Italia: è quanto comunicato di recente dal Cescat, Centro studi casa ambiente e territorio di Assoedilizia. L’istituto ora ha comunicato anche la distribuzione delle abitazioni non occupate all’interno del territorio nazionale. 
Iscritte al catasto terreni o al catasto fabbricati, oppure abusive e non iscritte ai catasti, oppure ancora appartenenti al demanio civile e militare: gli oltre due milioni di case disabitate in Italia appartengono a diverse tipologie e sono distribuite in modo diverso sul territorio nazionale. Il Cescat ha proposto una stima del numero di queste abitazioni, divise per area geografica. Ne è nata una sorta di classifica, che vede ai vertici la Lombardia e la Campania con un numero indicativo di 250.000 e 230.000 unità disabitate. Seguono a ruota il Triveneto e il Lazio (200.000 unità).
Di seguito riportiamo i dati relativi alle singole regioni. Le stime indicano il numero “assoluto” degli immobili disabitati. Bisogna però considerare anche la densità abitativa del territorio e la quantità di abitazioni vuote rispetto al totale degli immobili presenti.
– Lombardia: 250.000 unità disabitate
– Campania: 230.000
– Trentino Alto-Adige e Veneto: 200.000
– Lazio: 200.000
– Sicilia: 190.000
– Puglia e Basilicata: 170.000 
– Emilia-Romagna: 165.000
– Piemonte e Valle d’Aosta:160.000 
– Calabria: 115.000 unità disabitate
– Toscana: 90.000
– Liguria: 65.000 
– Sardegna: 55.000
– Marche: 50.000
– Abruzzo e Molise: 47.000
– Friuli Venezia Giulia: 41.000
– Umbria: 30.000
Fonte: Assoedilizia

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico