Come recuperare e riutilizzare cantine e piani seminterrati

Sono molte oggi le ragioni che spingono i proprietari di immobili a intraprendere interventi di recupero e riutilizzo dei piani interrati e delle cantine, classiche pertinenze poste sotto il piano di campagna delle abitazioni. A titolo di esempio, possiamo citare il recente incremento del bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie, che ha elevato il tetto di spesa da 48.000 euro a 96.000 euro e la percentuale di detrazione dal 36% al 50% (fino al 30 giugno 2013), l’ampliamento della residenza principale per nuove esigenze famigliari senza dover cambiare casa, il contenimento del consumo di suolo imposto da molti Comuni, ecc.

 

Ma a livello pratico, quali sono le problematiche che devono essere affrontate quando ci si accinge al recupero e al riutilizzo del seminterrato? Occorre trasformare un luogo tendenzialmente buio, freddo e umido in un luogo luminoso, riscaldato e confortevole, risolvendo eventuali problemi di umidità di risalita e, per esempio, incrementando l’altezza dei soffitti.

 

“Il nuovo concetto di seminterrato o cantina subisce una trasformazione”, ci dice Barbara Del Corno, autrice del recentissimo volume Recupero e riutilizzo dei piani seminterrati uscito a dicembre 2012 per i tipi Maggioli Editore. “Si valorizza quello che, un tempo, era considerato spazio accessorio e di minor valore”.

 

“Oggi”, continua Del Corno, “la cantina va oltre la tavernetta, status symbol dei proprietari di villette di trent’anni fa e diventa studio, sala fitness, cinema privato, camera degli hobby, sottraendo sempre maggior spazio a lavanderie, ripostigli e locali tecnici”.

 

Il volume Recupero e riutilizzo dei piani seminterrati, parte della collana Lavori in Casa – Ristrutturazioni edilizie e detrazioni fiscali, affronta tutti gli aspetti che tecnici e privati devono considerare prima di iniziare un intervento di ristrutturazione e recupero delle cantine e dei seminterrati.

 

Si analizzano le principali problematiche relative agli ambienti interrati (umidità da risalita, isolamento termico, interventi di consolidamento strutturale, radon) e si propongono soluzioni per migliorare lo spazio; sono presenti infatti indicazioni per aumentare l’altezza interna, per installare nuovi servizi igienici, per illuminare correttamente il nuovo ambiente e altro ancora, compresi molti preziosi consigli riguardanti la scelta delle finiture.

 

“I capitoli centrali del volume”, spiega Gabriele Semprini, responsabile editoriale dell’area tecnica della casa editrice, “descrivono le zone funzionali principali e analizzano quali pratiche edilizie utilizzare, comprese indicazioni legate ai Piani Casa regionali, l’aggiornamento catastale e, ovviamente, le agevolazioni fiscali previste dalla detrazione 50%” (consulta Detrazione 50%: Dossier Completo su Ediltecnico.it).

 

Completano il manuale una sezione interamente dedicata alla creazione di una cantina per i vini (condizioni bioclimatiche da rispettare, arredi e soluzioni per la conservazione, scelta dei rivestimenti di pareti e pavimenti) e alcuni esempi progettuali.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Un commento su “Come recuperare e riutilizzare cantine e piani seminterrati

  1. Anche quest’anno con proroga 2016 si potrà avere dopo la ristrutturazione le agevolazioni fiscali. Ho fatto ristrutturare una mansarda con dei lavori di ampliamento, la ditta che ho scelto sul portale edilnet , si è occupata di tutto, dalla richiesta dei permessi alla realizzazione con fatturazione per il recupero delle agevolazioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico