Costruire il futuro, salvando l’ambiente

Il costante aumento della temperatura inizia ad avere pesanti conseguenze sulla natura: da dove partire per tenere sotto controllo il fenomeno? Dall’edilizia, per esempio.
È quanto sostengono gli organizzatori di Klimahouse nel presentare il congresso “Costruire il futuro”, in programma dal 21 al 23 giorno. L’evento è inserito nel programma di Klimahouse, fiera dedicata all’efficienza energetica e alla sostenibilità in edilizia (Bolzano, 21-24 gennaio).

Negli ultimi cinquant’anni si è verificato un rapido surriscaldamento del pianeta causato, con molta probabilità, dal comportamento dell’uomo. È assolutamente necessario impedire che la temperatura media della Terra continui ad aumentare poiché un incremento maggiore di 2 gradi rischia di provocare danni pesantissimi. Proprio dal settore dell’edilizia giungono numerosi suggerimenti che, oltre a rispettare l’ambiente, si rivelano interessanti anche dal punto di vista economico. Ne parleranno relatori di fama internazionale nell’ambito della quinta edizione del congresso internazionale “Costruire il futuro”, evento organizzato da Fiera Bolzano in collaborazione con l’Agenzia Casa Clima che si terrà nell’ambito di Klimahouse 2010. Sede degli incontri l’Hotel Four Points Sheraton/Fiera Bolzano [visualizza la mappa].

GIOVEDÌ 21 GENNAIO (ore 14-18)
“È TEMPO DI AGIRE”

Si parlerà dell’esaurimento del petrolio a basso prezzo e di come si presenta la strada verso il futuro, si osserverà da vicino il mondo dell’energia e quello dell’architettura, si affronteranno i temi della sociologia dell’abitare, dell’ecologia e della vita urbana, saranno mostrate le nuove soluzioni per immagazzinare il calore e per risanare utilizzando grandi elementi prefabbricati per le facciate. Verrà inoltre analizzato lo stato della tecnologia per i sistemi di ombreggiamento.
Tra gli interventi quello di Werner Zittel, socio fondatore e membro del consiglio direttivo di ASPO Deutschland, l’Associazione per lo studio del picco del petrolio in Germania, che spiegherà cosa ci riserva il futuro in considerazione dell’aumento dei costi degli oli combustibili.
Carmen Cremer, invece, affronterà il tema dell’albergo-clima con riferimento al nuovo marchio KlimaHotel.

VENERDÌ 22 GENNAIO (ore 9.30-13)
“IL PONTE TRA IL DIRE E IL FARE”
Si affronteranno diverse tematiche legate all’edilizia green evolution e alla convenienza dello sviluppo sostenibile, sarà offerto un panorama sulle norme del risparmio energetico, verranno fornite indicazioni su come progettare e costruire secondo i principi della sostenibilità e sulla combinazione di solare termico, pompe di calore e fotovoltaico.
Roland Gellert, dell’Istituto di ricerca per l’isolamento termico di Monaco di Baviera, illustrerà i vantaggi e gli svantaggi dei vari materiali di coimbentazione per l’involucro degli edifici facilitando così gli esperti nella scelta più indicata in relazione alle specifiche esigenze.

SABATO 23 GENNAIO (ore 9.30-13.30)
“ABITARE OGGI E DOMANI”
Sotto i riflettori l’elemento “luce”, la trasparenza per un abitare sano, il risparmio energetico e l’impiantistica tecnologica per il benessere.

Per iscriversi al congresso e per informazioni su Klimahouse:
www.klimahouse.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico