Decreto-Abruzzo, è arrivato il sì della Camera

La Camera ha dato il via libera definitivo al decreto legge che contiene le misure per la ricostruzione dell’Abruzzo. L’opposizione ha votato contro il provvedimento che era stato già approvato dal Senato: solo in nove si sono astenuti. Ricostruzione della prima casa, contributo per il pagamento dei mutui (anche se c’é un tetto), incentivi per le piccole imprese, e spostamento del G8 all’Aquila: queste alcune delle misure chiave del decreto-Abruzzo.

CONTRIBUTI PRIMA CASA

Lo Stato pagherà al 100% e con contributo a fondo perduto la ricostruzione e la riparazione della prima casa.

TETTO A MUTUI
Lo Stato potrà subentrare nei mutui di chi ha subito danni dal terremoto fino a un importo di 150.000 euro. In contemporanea la proprietà dell’immobile passerà a Fintecna.

MINI RIPARAZIONI

Arriva un contributo fino a 10.000 euro per la riparazione di danni di piccola entità.

FONDO PREVENZIONE RISCHIO SISMICO
A partire dal 2010 è istituito un fondo ad hoc per le misure anti-sismiche (965 milioni di euro) fino al 2016: 44 milioni per il primo anno. Dal prossimo luglio inoltre saranno in vigore le nuove norme anti-sismiche per l’edilizia.

PROTEZIONE CIVILE E VIGILI FUOCO
Per le loro esigenze operative viene assicurata una spesa di 1,5 milioni di euro per il 2009 e 8 milioni di euro annui a decorrere dal 2010.

ZONE FRANCHE E INCENTIVI
Le imprese avranno a disposizione incentivi fiscali per la ripresa. È possibile che arrivino anche sotto forme di zone franche urbane.

G8 ALL’AQUILA, SARDEGNA RICOMPENSATA
I risparmi dovuti allo spostamento andranno alle le zone terremotate. Alla Sardegna viene garantita la realizzazione delle opere già avviate e di quelle in programma per il summit.

COPERTURE
A copertura del d.l. si prevedono 1,152 miliardi di euro per il 2009. Il resto dei finanziamenti è spalmato fino al 2032, mentre a decorrere dal 2033 si prevedono finanziamenti per 2,9 milioni di euro. Ai quali vanno aggiunte altre risorse previste dal decreto, dai Fas alla lotta all’evasione, che non sono però esattamente quantificate. Un milione di euro per la l’Abruzzo arriverà dal taglio delle risorse destinate alla celebrazione della Festa della Repubblica per il 2009.

GOVERNANCE ED ENTI LOCALI
Più spazio ai comuni nella pianificazione della ricostruzione e la possibilità di deroga dal patto di stabilità interno. Misure che, però, per l’opposizione, sono al momento troppo vaghe anche per quanto riguarda la copertura.

Fonte:
Ansa

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico