DVR Studi Professionali, ecco le procedure per prepararlo

Come effettuare la redazione del Documento di Valutazione dei Rischi, il c.d. DVR, nell’ambito degli studi professionali? La risposta arriva dal decreto interministeriale del 30 novembre 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 285 dello scorso 6 dicembre.

 

Nel decreto viene finalmente indicato un modello di riferimento a cui rifarsi per la redazione del Documento di Valutazione dei Rischi in base a quanto richiesto dal Testo Unico per la Sicurezza (art. 6, comma 8, lettera f) del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.).

 

Obiettivo della procedura è indicare, appunto, un modello di riferimento sulla base del quale effettuare la valutazione dei rischi e il suo aggiornamento, al fine di individuare le adeguate misure di prevenzione e protezione ed elaborare il programma delle misure volte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Ricordiamo che i principi generali che devono guidare nell’operazione di redazione del DVR sono quelli elencati all’art. 15 del d.lgs. 81/2008 e vanno dalla riduzione/eliminazione dei rischi al rispetto dei principi ergonomici nell’organizzazione del lavoro, dal controllo sanitario all’informazione e all’addestramento dei lavoratori, dalle misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio e di evacuazione all’uso di segnali di avvertimento, fino alla regolare manutenzione di ambienti e attrezzature.

 

Il modello si applica alle imprese che occupano fino a 10 lavoratori, pertanto alla maggior parte degli studi professionali, ma può essere utilizzato anche dalle aziende con massimo 50 dipendenti.

 

Sarà responsabilità dei datori di lavoro compilare la modulistica per la redazione del DVR, allegata al decreto, tenendo conto di tutte le informazioni in suo possesso ed eventualmente di quelle derivanti da segnalazioni dei lavoratori. Il decreto interministeriale entrerà in vigore il sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Written by

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>