Esclusione dell’Ici sulla prima casa: ora è legge

Sulla Gazzetta Ufficiale del 26 luglio è stata pubblicata la legge 126/2008, recante “Disposizioni urgenti per salvaguardare il potere d’acquisto delle famiglie”.
Come anticipato nel d.l. 93/2008, viene esclusa l’Ici sull’abitazione principale e sulle relative pertinenze (box, cantina, soffitta); fanno eccezione le abitazioni accatastate nelle categorie A/1 (abitazioni signorili), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli e palazzi di pregio artistico e storico).

Nel percorso parlamentare, il testo del precedente d.l. ha subito alcuni assestamenti. Riportiamo i punti principali.
– L’agevolazione fiscale viene estesa alle unità immobiliari che vengono assimilate all’abitazione principale in virtù di una delibera comunale (nel d.l. si parlava di “regolamento comunale”).
– Non verranno applicate sanzioni nei casi di omesso o insufficiente versamento della prima rata dell’Ici 2008 (scaduta il 16 giugno scorso), se il contribuente verserà quanto dovuto entro il l 26 agosto. 
– È confermata l’abrogazione delle norme previgenti, relative alle detrazioni Ici per le abitazioni principali non di lusso.

Fino alla definizione del nuovo patto di stabilità interno, in funzione dell’attuazione del federalismo fiscale, le regioni e gli enti locali non possano deliberare aumenti dei tributi, delle addizionali e delle aliquote ad essi attribuiti con legge dello Stato (per esempio addizionali regionali e comunali Ici, Irpef e Irap.

Fonte:
www.ance.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico