Formazione professionale geometri: l’’opinione di Maurizio Savoncelli, presidente CNGeGL

Formazione professionale per i geometri: un tema davvero caldo che negli ultimi tempi sta attraversando decisivi mutamenti. In un’intervista uscita quest’estate sul portale Ediltecnico.it, il presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) Maurizio Savoncelli ha esplicitato con chiarezza e puntualità i temi della qualità e della formazione con precipuo riferimento alla categoria, esplorando anche il tema (talora spinoso) dei crediti formativi. Cerchiamo di comprendere dalle sue vive parole lo stato della situazione in questo movimentato 2014.

Formazione professionale

“La formazione professionale – spiega Savoncelli nell’intervista rilasciata a Mauro Ferrarini – deve essere di qualità e deve essere facilmente fruibile. In questo senso, il CNGeGL, oltre a essere stata la prima categoria professionale a dotarsi di un codice di regolamentazione sul tema, ha rafforzato notevolmente la possibilità di seguire la formazione a distanza (FAD), venendo incontro alle esigenze dei colleghi che per motivi lavorativi non sono in grado di affrontare i disagi derivanti dalla frequentazione di corsi e seminari classici con lezioni frontali. Oltre alla FAD – prosegue Savoncelli – la nostra Categoria ha definito anche un percorso denominato FAD-Q, ossia Formazione a Distanza Qualificata, che implica un protocollo assai più rigido e che, ovviamente, riconosce un numero maggiore di crediti rispetto ai sistemi tradizionali”.

I costi della formazione

Savoncelli si è poi soffermato sulla delicata questione dei costi della formazione continua: “Il principio della formazione continua è sacrosanto. La preparazione di base ricevuta con il percorso scolastico non può essere ritenuta sufficiente per l’intera vita lavorativa del professionista. Pensiamo, ad esempio, ai continui mutamenti che si verificano nel settore della prevenzione incendi. La formazione va considerata sotto il duplice aspetto di tutela per il committente e per il professionista che, in certi casi, rischia sanzioni pesantissime anche di carattere penale. Per quanto riguarda la nostra categoria, la formazione erogata agli iscritti viene vagliata e fornita direttamente dai Collegi ed esclusivamente attraverso la piattaforma predisposta da Geoweb quando è prevista la modalità e-learning. In questa maniera viene garantita la qualità dei servizi offerti”.

Leggi l’intervista integrale a Maurizio Savoncelli su Ediltecnico.it, il quotidiano online di riferimento per i professionisti tecnici.

I contributi per la formazione

Ma Savoncelli non si ferma qui: “Va sottolineato – spiega il presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati – che la formazione, essendo un obbligo di legge, va erogata a costi vicini allo zero o comunque molto contenuti per dare modo a tutti di ottemperare alla prescrizione e facilitare l’accesso dei giovani alla nostra professione. In questo senso, ricordo anche che la Cassa di previdenza dei Geometri ha predisposto dei contributi che alleggeriscono ulteriormente l’onere economico derivante dal rispetto dell’obbligo di formazione”. Parole di rilievo, soprattutto quando provengono, come accade in questa circostanza, da colui che risiede al vertice rappresentativo di una categoria che conta oltre 100mila iscritti nel nostro Paese.

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico