Geometri: dalla riqualificazione energetica 1,7 milioni di posti di lavoro

Geometri: dalla riqualificazione energetica 1,7 milioni di posti di lavoro

Il parallelismo viene naturale: nell’era del boom economico il settore delle costruzioni è stato trainante per il moltiplicarsi di cantieri e l’edificazione di complessi residenziali, commerciali e industriali sempre più numerosi. Oggi, oltre sessant’anni dopo, un nuovo boom dell’edilizia è possibile con la riqualificazione energetica degli stessi edifici che fecero “ricchi” gli italiani.

Può sembrare un paragone irriverente e, forse, un pochino azzardato, ma se diamo un’occhiata ai numeri la verità non è così azzardato. E parliamo di numeri autorevoli, forniti dal CRESME che prevede in 115,4 miliardi di euro il valore della riqualificazione energetica degli edifici, oltre il 61% dell’intero fatturato di settore dell’edilizia. Numeri che lo investono della responsabilità di configurarsi quale principale driver del ciclo edilizio, a sua volta motore della ripresa e capace di attivare ben 1,7 milioni di posti di lavoro.

Ne sono convinti i Geometri, che si sono incontrati a Milano per fare il punto della situazione nel corso del recente convegno Oltre l’efficienza: la nuova sfida della sostenibilità sarà far dialogare il costruito con l’ambiente, che si è tenuto ieri.

“Attorno a queste cifre” commenta Maurizio Savoncelli, Presidente CNGeGL “occorre costruire strategie di breve e lungo periodo finalizzate a riqualificare il patrimonio edilizio italiano e in grado di fare ripartire il settore dell’edilizia e l’economia del Paese”.

Ma Come? È sicuro Savoncelli nel dire che occorre muoversi in due direzioni: da un lato, rendendo strutturali le agevolazioni fiscali previste per questa tipologia d’interventi, dall’altro mettendo a sistema e qualificando la filiera della sostenibilità, all’interno della quale i Geometri e più in generale i professionisti di area tecnica possono rendersi promotori del cambiamento, cogliendo nuove opportunità di lavoro”.

Ma le sfide ambientali applicate all’edilizia potranno diventare un’opportunità reale di business a patto che i Geometri siamo disposti ad aggiornare le proprie competenze di progettazione e certificazione e capitalizzare le informazioni: presupposti fondamentali per interpretare correttamente le necessità del territorio e le esigenze della collettività, economiche e di benessere abitativo.

Il convegno, organizzato dalla categoria dei Geometri e aperto a tutte le professioni tecniche, è stato strutturato per fornire ai partecipanti indicazioni concrete per cogliere le opportunità lavorative messe a disposizione dal settore della riqualificazione energetica e di quella edilizia in particolare.

Sul punto Pasquale Salvatore, Consigliere CNGeGL, è didascalico: “In tema di riqualificazione energetica i Geometri sono tra i consulenti più affidabili per i cittadini: la specifica preparazione tecnica, unita ad una formazione professionale continua e di alto livello, consente loro di proporre ai committenti le soluzioni più adatte per realizzare l’auspicabile mix di qualità della vita, sicurezza dell’abitare, diminuzione delle spese di gestione e agevolazioni fiscali. Un circolo virtuoso che garantisce benefici individuali e collettivi, economici e sociali”.

Il convegno fa parte del ciclo d’incontri “Sviluppo sostenibile: cultura, ambiente, società. Geometri per la qualità della vita”: appuntamenti a cadenza mensile che interpretano i temi e i contenuti proposti da Expo 2015, al quale la Categoria partecipa con l’iniziativa GEOMETRINEXPO, voluta da Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza dei Geometri liberi professionisti e Fondazione Geometri Italiani.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico