Il mercato delle costruzioni nel Nord-Ovest

Il Cresme ha descritto uno scenario di decisa difficoltà rispetto agli ultimi anni per il settore dell’edilizia in Italia. Dopo i dati nazionali e quelli relativi al Nord-Est, pubblichiamo il risultato dell’indagine per il resto del Nord Italia.

Anche nel Nord-Ovest le difficoltà maggiori riguarderanno l’edilizia abitativa. Secondo il Cresme alla fine del 2008 la produzione residenziale si assesterà intorno ai 14.370 fabbricati corrispondenti a circa 35 milioni di metri cubi, per un volume medio di 2.429 metri cubi per fabbricato: -1,1% rispetto al 2007.
Una minore offerta edilizia si accompagna a una decisa contrazione degli scambi immobiliari. Il Piemonte passa da 71.326 compravendite a 58.330; la Liguria da 25.000 a 20.571, mentre la Lombardia cala in un anno di oltre 60.000 scambi, passando da 169.762 a 136.604. Nella speciale classifica del Cresme che mette in fila tutte le province italiane sulla base delle dinamiche del mercato immobiliare, solo Aosta si posiziona tra le prime dieci, con una contrazione contenuta pari al 3,8%.
Complessivamente il Piemonte sembra registrare nel corso dell’anno ritmi di contrazione meno marcati rispetto al resto del Nord-Ovest, soprattutto per quanto riguarda ke province di Verbania e Cuneo. Decisamente più critica la situazione in Lombardia: la maggior parte delle province registra un calo superiore al 20% con Mantova al -30%.
Aosta: 2.180 compravendite (-3,8%) – 9° posto nella graduatoria nazionale
Verbania: 2.385 compravendite (-7,2%) – 12°
Cuneo: 7.638 compravendite (-10,8%) – 18°
Imperia: 3.620 compravendite (-13,2% )- 29°
Vercelli: 2.152 compravendite (-13,3%) – 32°
Asti: 2.748 compravendite (-14%) – 34°
Savona: 4.766 compravendite (-14,8%) – 36°
Sondrio: 2.100 compravendite (-16,2%) – 46°
Milano: 57.569 compravendite (-16,5%) – 47°
Pavia: 7.843 compravendite (-17%) – 51°
Como: 8.144 compravendite (-18,3%) – 58°
La Spezia: 2.655 compravendite (-18,4%) – 60°
Torino: 31.282 compravendite (-19,1%) – 64°
Bergamo: 15.796 compravendite (-20,4% ) – 72°
Genova: 9.530 compravendite (-20,6%) – 76°
Brescia: 16.130 compravendite (-20,6%) – 77°
Biella: 2.189 compravendite (-20.8%) – 79°
Varese:11.785 compravendite (-22.3%) – 84°
Alessandria: 5.321 compravendite (-23,8%) – 91°
Lecco: 4.516 compravendite (-23,9%) – 92°
Novara: 4.615 compravendite (-24,3%) – 95°
Cremona: 4.207 compravendite (-25,8%) – 99°
Lodi: 3.356 compravendite (-29%) – 101°
Mantova: 4.320 compravendite (-30,2%) – 102°.

La produzione di edilizia non residenziale
Situazione decisamente diversa per quanto riguarda l’edilizia terziaria. Per il 2008 il Cresme stima in 4.360 i fabbricati realizzati, con una crescita del 2,1 rispetto al 2007. In termini di metri cubi la crescita stimata è del +2,2% contro una media italiana di -0,9%.

Le opere pubbliche
In contrazione il numero delle opere pubbliche oggetto di gara: -1,9% neri primi nove mesi del 2008 rispetto allo stesso periodo del 2007. Con il numero delle opere cala anche il valore che in un anno si contrae di oltre un quinto (-20,8%). Una situazione particolarmente preoccupante se confrontata con la media nazionale che registra una crescita del valore del mercato del 6,2%.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico