Immobiliare: le variazioni dei prezzi delle case 2007-2014 nelle grandi città

L’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha elaborato una serie di prospetti sulle variazioni dei prezzi nel mercato immobiliare delle principali città italiane negli ultimi 8 anni.

 

Il secondo semestre del 2014 registra prezzi immobiliari ancora in discesa che determinano, per l’intero 2014, una contrazione complessiva dei valori del 7,2%. Nelle grandi città la diminuzione nella seconda parte dell’anno è stata del 4,2%.

 

Ecco i prospetti relativi a Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Verona.

 

BARI

2007: -3,3%

2008: -5,2%

2009: -4,7%

2010: -2,2%

2011: -10,8%

2012: -13,7%

2013: -8,6%

2014: -6,1%

 

A Bari il picco negativo dei prezzi si è avuto nel 2012 quando i valori sono diminuiti del 13,7%. Il 2011 ed il 2012 sono stati gli anni peggiori per il mercato che però sembra registrare adesso un rallentamento della diminuzione dei valori.

 

BOLOGNA

2007: -4,4%

2008: -7,6%

2009: -7,0%

2010: -3,3%

2011: -3,4%

2012: -13,9%

2013: -11,6%

2014: -6,9%

 

Bologna tra le grandi città italiane è quella che ha perso maggiore valore dall’inizio della crisi immobiliare: -44.9% Il 2012 ed il 2013 sono gli anni in cui gli immobili hanno sofferto in modo particolare.

 

FIRENZE

2007: -2,0%

2008: -6,5%

2009: -3,2%

2010: -0,8%

2011: -4,2%

2012: -8,7%

2013: -6,7%

2014: -3,1%

 

Firenze nell’ultimo anno ha registrato la contrazione più contenuta dei prezzi. In generale è tra le città che hanno perso meno valore tra le metropoli italiane. Un mercato dunque che ha resistito meglio alla crisi grazie ad una forte domanda non solo di prima casa ma anche ad uso investimento.

 

GENOVA

2007: -4,5%

2008: -7,6%

2009: -3,7%

2010: +0,6%

2011: -5,3%

2012: -9,1%

2013: -9,0%

2014: -14,4%

 

Genova è una realtà che a livello immobiliare ha sofferto in modo importante. Gli immobili, dal 2007, hanno perso il 42,3%. Dal 2012 la città ha dato segnali di contrazione significativi con una riduzione accentuata soprattutto nelle zone periferiche e con un’offerta qualitativamente molto bassa.

 

MILANO

2007: +1,8%

2008: -4,6%

2009: -2,1%

2010: -0,4%

2011: -2,3%

2012: -7,3%

2013: -7,0%

2014: -5,5%

 

Milano, nonostante tutto, ha resistito bene a questi anni difficili. I prezzi sono diminuiti ma in alcune zone, come quelle centrali, hanno retto. Il capoluogo lombardo chiude il 2014 con una diminuzione dei prezzi del -5,5%, grazie ad una buona tenuta sia del segmento ad uso residenziale e sia di quello ad uso investimento. 

 

NAPOLI

2007: -1,6%

2008: -6,8%

2009: -6,1%

2010: -3,0%

2011: -5,5%

2012: -12,7%

2013: -8,0%

2014: -11,4%

 

A Napoli la contrazione dei prezzi nel 2014 è stata dell’11,4%. Nel 2012 si è registrata la diminuzione dei prezzi più importante.

 

PALERMO

2007: +4,6%

2008: -7,1%

2009: -4,0%

2010: -2,7%

2011: -7,1%

2012: -9,9%

2013: -8,3%

2014: -4,5%

 

Palermo nel 2014 registra una diminuzione dei valori del 4,5%, uno dei risultati migliori degli ultimi anni. Dall’inizio del trend ribassista le quotazioni della  città hanno perso quasi il 36%.

 

ROMA

2007: -0,9%

2008: -5,8%

2009: -3,6%

2010: +0,5%

2011: -2,4%

2012: -10,1%

2013: -8,4%

2014: -5,3%

 

La Capitale nel 2014 segnala una contrazione dei valori pari al 5,3%. L’anno più difficile è stato sicuramente il 2012,  con un calo dei prezzi del 10,1%.

 

TORINO

2007: +2,7%

2008: -5,6%

2009: -3,5%

2010: +0,4%

2011: -2,1%

2012: -10,8%

2013: -10,9%

2014: -8,9%

 

A Torino la diminuzione dei valori nel 2014 è stata dell’8,9%. I cali più importanti dei prezzi si sono registrati nel 2012 e nel 2013.

 

VERONA

2007: -2,1%

2008: -6,4%

2009: -3,7%

2010: +0,1%

2011: -4,2%

2012: -8,4%

2013: -10,7%

2014: -5,6%

 

Gli immobili a Verona nel 2014 perdono il 5,6%. Dall’inizio della crisi immobiliare la contrazione è stata del 35%.

 

 

 

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico