Impianti antintrusione per cantieri e ponteggi

è indubbio che i ponteggi possano costituire una particolare situazione di vulnerabilità. Capita sovente che le impalcature addossate al perimetro di edifici abitati in fase di ristrutturazione esterna vengano sfruttate da malintenzionati che ne approfittano per compiere dei furti. Per questo motivo sono sempre più utilizzati i sistemi di allarme per ponteggi, sia nel caso di grandi cantieri, ma anche per le piccole ristrutturazioni di singole abitazioni.

 

Questi impianti, progettati appositamente per le esigenze dei cantieri edili, sono dotati di appositi rivelatori testati per essere installati in ambienti così mutevoli, proteggendo la salita attraverso il ponteggio oltre che eventuali mezzi ed attrezzature di alto valore economico. Questi sistemi antintrusione sono molto semplici da installare ed allo stesso tempo efficienti, nonché disponibili a noleggio.

 

Queste apparecchiature permettono di rilevare e segnalare la presenza di persone estranee, quando queste si introducono nelle zone protette al di fuori degli orari di lavoro, offrendo sicurezza agli abitanti degli edifici e all’impresa che esegue i lavori e prevenendo gli imprevisti di percorso.

 

Non esistono leggi che obbligano ad adottare dei sistemi antifurto sui ponteggi, ma a tutti gli effetti i vantaggi sono numerosi: se necessario proteggono dai furti tutta l’area di cantiere ed il parco macchine, non solo il ponteggio; evitano spiacevoli incidenti causati dall’intrusione di personale non autorizzato; consentono interessanti sconti sulle polizze assicurative; prevengono la corresponsabilità che la legge attribuisce all’impresa che utilizza un ponteggio per le opere di ristrutturazione.

 

Infatti, numerose sentenze hanno più volte preso in esame la richiesta di risarcimento dei danni conseguenti all’attività delittuosa di malintenzionati introdottisi all’interno delle proprietà esclusive, attraverso l’utilizzo dei ponteggi.

 

Nella maggior parte dei casi le sentenze hanno condannato al risarcimento dei danni le imprese appaltatrici, individuando la loro responsabilità nel reato di incauta custodia del bene (art. 2043 c.c.) ed alcune sentenze hanno coinvolto anche l’amministratore di condominio. L’impresa, nell’esecuzione dei lavori, ha l’obbligo di accertare, quindi, che il ponteggio si trovi, per tutta la durata dei lavori, in una situazione tale da non costituire pericolo per i condomini e, in genere, per coloro che vivono o transitano nel condominio.

 

Questi sistemi sono a tutti gli effetti degli impianti antintrusione a 360° capaci di rispondere appositamente alle esigenze tipiche di un cantiere edile. In particolare, tra le caratteristiche più importanti di cui devono essere dotati questi sistemi vi è la possibilità di modificare o espandere tempestivamente il loro raggio d’azione in modo da poter essere prontamente adattati alle numerose variazioni strutturali a cui sono sottoposti i cantieri.

 

È molto importante che il sistema antifurto sia in grado di garantire un alto grado di affidabilità ed efficienza ed, in particolare, limitare al massimo tutti i problemi relativi alla segnalazione di falsi allarme. Le installazioni su ponteggio sono comunque sempre critiche e frutto di un compromesso tra funzionalità e costi: per questo motivo richiedono una specifica progettazione, conforme alle normative vigenti in materia di sicurezza e qualità, da parte di ditte specializzate, specialmente in casistiche particolari soggette a  regolamentazione di pubblica sicurezza come ad esempio la vicinanza a tribunali, palazzi di giustizia, caserme, edilizia penitenziaria, basi militari, musei, gallerie d’arte, gioiellerie, ecc.

 

Dal punto di vista strutturale, questa tipologia di antifurto è caratterizzata dalla presenza di una consolle autoprotetta a tenuta stagna per il controllo dell’antifurto, dotata di radiocomando codificato ed una batteria ricaricabile, eventualmente dotata di pannello fotovoltaico, in grado di alimentare il sistema e garantire un’autonomia di almeno 12 ore.

 

Nella parte esterna, poi, generalmente vengono posizionati dei particolari sensori bidirezionale adatti agli ambienti esterni oppure dei sistemi antiarrampicamento in grado di reagire alle variazioni di peso ed alle vibrazioni, il tutto corredato da un forte segnalatore acustico e luminoso in grado di segnalare l’attivazione del sistema antifurto. Questa strumentazione deve permettere, attraverso una sua versatilità, di essere adattata facilmente a tutte le strutture di ponteggi.

 

Per consentire l’estensione della protezione a tutto il ponteggio in genere vengono inseriti una serie di moduli secondari collegati al sistema principale grazie ad alcuni cavi caratterizzati dalla presenza di connettori a tenuta stagna. Una volta posizionati tutti gli elementi, il sistema antifurto è facilmente gestibile anche da personale non specializzato.

 

Risulta efficace dotare il cantiere di una opportuna cartellonistica deterrente e, in base alle esigenze, è possibile incrementare il sistema con dei servizi extra: combinatore telefonico GSM, videosorveglianza, programmatore orario, relè per l’accensione delle luci di cantiere, cablaggio interrato, segnalazione incendi,  dispositivi di controllo degli accessi e di identificazione delle presenze.

 

Da non dimenticare inoltre i metodi tradizionali di prevenzione: idonea illuminazione dei ponteggi nelle ore notturne e la rimozione, al termine di ogni giornata lavorativa, di scalette mobili e piani di lavoro nella parte inferiore dell’edificio, così da rendere se non altro meno agevole l’accesso, tramite l’impalcatura, ai piani più alti.

 

Articolo di Andrea Cantini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Un commento su “Impianti antintrusione per cantieri e ponteggi

  1. Stanno ristrutturando il primo piano di una casa indipendente di due piani. L’impresa che segue i lavori ha messo un ponteggio per arrivare alle finestre senza alcuna protezione per intrusioni e 2 giorni fa hanno chiuso parzialmente una porta della cantina lasciando la parte superiore aperta . Sono venuti i ladri e hanno ribato un televisore 40′ . Devo pagarlo io???????

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico