Intonaci termoisolanti in bioedilizia

L’intonaco si è evoluto da semplice materiale di finitura a elemento da progettare, al pari di tutte le altre componenti edilizie e tecnologiche. Oggi è possibile delegare all’intonaco funzioni un tempo proprie di altri elementi: gli intonaci termoisolanti sono un’efficace alternativa ai consolidati sistemi tradizionali e uniscono la facilità di posa tipica dei rivestimenti ordinari, familiari alla tradizionale manodopera, con notevoli proprietà coibenti, equivalenti e alternative alla realizzazione dei sistemi di isolamento a cappotto esterni. Il mercato delle soluzioni edilizie per l’isolamento termico è costantemente in movimento ed anche il settore della bioedilizia ha elaborato nuovi prodotti in grado di contrastare efficacemente la dispersione del calore e migliorare gli scambi energetici tra ambiente esterno ed interno, necessari a garantire sostenibilità e bassi consumi. A tutto vantaggio di comfort e risparmio energetico.

Come chiaramente evidenziato dalla stessa definizione, gli intonaci termoisolanti sono una  gamma di prodotti premiscelati appositamente creati per risolvere specifiche problematiche di isolamento termico: composti principalmente di leganti idraulici e fibre, sono utilizzabili con rapidità ed efficacia sia nell’ambito del recupero di edifici con problemi di coibentazione, che su edifici di nuova edificazione e sono in grado di garantire prestazioni particolarmente elevate.
Una volta applicati sulle superfici murarie esterne degli edifici, infatti, vanno a costituire uno strato isolante, e, proprio per questo, risultano essere una soluzione particolarmente indicata per spessori contenuti dove è necessario migliorare le prestazioni delle murature. Inoltre consentono di risolvere con efficacia e semplicità i ponti termici creati dall’accostamento di materiali differenti e con conducibilità diverse.

Il rivestimento esterno a intonaco delle murature con prodotti termoisolanti è particolarmente adatto per soluzioni in bioedilizia, dato che l’origine rigorosamente naturale degli ingredienti garantisce il rispetto dei parametri fondamentali di porosità, igroscopicità, traspirabilità e sostenibilità. Questi prodotti vengono realizzati generalmente con malte composte da: leganti aerei o idraulici (calce o cemento), sabbia di tipo calcareo a granulometria costante, aggregati inerti leggeri espansi (perlite, vermiculite, vetro riciclato), pomice o sughero in granuli, a seconda della funzione richiesta. Grazie alle loro particolari caratteristiche fisiche, gli aggregati leggeri conferiscono all’intonaco finito una tipica struttura microporosa capace di soddisfare efficacemente i requisiti di isolamento e costituire rivestimenti monolitici di assoluta stabilità dimensionale, fonoassorbenti e resistenti al fuoco. La posa in cantiere risulta relativamente semplice, e in ogni caso non più complessa di quella di un normale intonaco.

In sintesi, le caratteristiche tecniche di natura termica rendono questi prodotti indicati per:
– impedire che il calore attraversi per conduzione la parete;
– impedire che la parete perda calore per irraggiamento;
– ottenere una buona inerzia termica;
– procurare un isolamento continuo, senza lasciare ponti termici in corrispondenza delle solette e dei pilastri;
– ottenere un alto potere di igroscopicità e idrorepellenza in modo da garantire una difesa continua contro l’umidità.

Di seguito si riportano alcuni suggerimenti in merito a prodotti per la bioedilizia che rientrano nella tipologia qui trattata ed in ordine crescente di conducibilità termica.

Diathonite Evolution©
Termointonaco premiscelato fibrorinforzato con sughero, argilla, polveri diatomeiche e legante idraulico, idoneo per la realizzazione di rivestimenti termici a cappotto e deumidificazioni per interni ed esterni. Il composto è un prodotto termico, fonoassorbente, fonoisolante, deumidificante ed ecologico, con conducibilità termica pari a 0,045 W/mK. È inserito nel “Repertorio dei materiali in Bioedilizia” a cura dell’ANAB (visualizza la scheda di Diasen)

BioCap©
Intonaco termico premiscelato naturale (λ = 0,046 W/mK) costituito da inerti leggeri a cellula aperta (sughero in granuli), calce idraulica naturale NHL, fibre antifessurazione ed additivi naturali. Viene impiegato come intonaco di fondo nei nuovi edifici per isolare le pareti ed eliminare i ponti termici, per assorbire le onde sonore ed evitare la formazione di condensa e muffa.

Sanawarme©
Intonaco termico minerale certificato, per esterni ed interni, che riunisce in un unico prodotto le caratteristiche di un intonaco termoisolante (λ = 0,056 W/mK) con quelle di un intonaco deumidificante e quelle di un regolatore termo-igrometrico, ai fini dell’eliminazione della condensa. La perlite espansa costituisce l’aggregato fondamentale della speciale miscela del termointonaco a base di materiali naturali (calce idraulica, caolino, perlite espansa, farine di sughero).

BiocalceTermointonaco©
E’ un prodotto specifico per intonacature termoisolanti e traspiranti di solai, murature portanti e di tamponamento in laterizio, mattoni, tufo, calcestruzzo, calcestruzzo cellulare, legno-cemento, pietra e miste interne ed esterne. Riduce decisamente le dispersioni di calore delle murature, risolvendo le problematiche di degrado legate ai ponti termici e muffe indotte dall’umidità di condensa. I componenti sono: calce naturale NHL, sughero, roccia vulcanica (pomice bianca) e calcare dolomitico. Conducibilità termica pari a 0,075 W/mK. Soddisfa i requisiti stabiliti per il rilascio del Certificato CCA di compatibilità ambientale.

Termointonaco Laterlite©
Intonaco termico macroporoso premiscelato (λ = 0,086 W/mK) per esterni ed interni, composto da calce idraulica naturale ed un aggregato isolante realizzato con vetro espanso riciclato. Grazie alla caratteristiche del vetro espanso assicura ottime prestazioni di resistenza al fuoco al divisorio (ideale sia negli interventi di recupero che in quelli di nuova costruzione). È certificato da ANAB-ICEA per la Bioarchitettura.
Termo-Bi©
Intonaco termoisolante fibrorinforzato a basso peso specifico a base di calce idraulica naturale BIO-E. Unisce alla bassa conducibilità termica (λ = 0,091 W/mK) un’elevata facilità applicativa e affinità alle varie tipologie di supporti murari nonché una elevata consistenza e durabilità nel tempo. Grazie all’elevata traspirabilità consente la realizzazione di isolamenti o risanamenti termici senza rischi di accumuli di condense interstiziali (visualizza la scheda di Tassullo).

Articolo di Andrea Cantini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Un commento su “Intonaci termoisolanti in bioedilizia

  1. Buongiorno, ho 2 correzioni da segnalare:
    1) “gli intonaci termoisolanti sono un’efficace alternativa ai consolidati sistemi tradizionali . . ., con notevoli proprietà coibenti, equivalenti e alternative alla realizzazione dei sistemi di isolamento a cappotto esterni” – in nessun caso il termointonaco è paragonabile ad un sistema di protezione termica integrale, basta guardare la strasmittanza dei materiali isolanti. Ma la cosa è anche intuitiva: il termointonaco è un premiscelato che incorpora materiale isolante leggero, per cui il cemento che è il legante avvolge il materiale isolante, e il cemento costituisce ponte termico; cosa diversa per le lastre isolanti ad esempio in EPS, in un sistema a cappotto con lastre in EPS non c’è ponte termico perchè il legante non passa attraverso l’isolamento.
    2) “Il rivestimento esterno a intonaco delle murature con prodotti termoisolanti è particolarmente adatto per soluzioni in bioedilizia, dato che l’origine rigorosamente naturale degli ingredienti “: solitamente il termointonaco è a base di calce e cemento, motivo per cui non c’è niente di naturale e biologico, per cui non adatto a soluzioni in bioedilizia. Cosa diversa se il termointonaco avesse come legante della calce idraulica naturale NHL e fosse escluso completamente il cemento, in questo caso potrei essere d’accordo (ma un termointonaco con legante calce idraulica naturale NHL è molto più tenero rispetto allo stesso prodotto con cemento, infatti nel migliore dei casi i produttori, anche per ridurne il costo, fanno un mix dei due leganti).
    Resto a disposizione e ringrazio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico