Libro unico, il ministero abbassa i toni

Il Ministero del lavoro ha fornito chiarimenti sugli obblighi di tenuta del libro unico del lavoro, e sulle relative sanzioni.

Il dicastero ha precisato che dal 25 giugno scorso non è più applicabile la maxi-sanzione prevista in caso di mancata istituzione, esibizione e tenuta dei libri obbligatori. Ha poi fornito un’ulteriore precisazione: se il libro paga-sezione-presenze o il libro unico del lavoro erano detenuti dai consulenti o da altri professionisti abilitati, non potevano essere adottate sanzioni per l’omessa esibizione sul luogo di lavoro; dal 25 giugno 2008, infatti, tali documenti potevano non essere conservati presso il luogo di lavoro.

Per quanto riguarda la  possibilità di effettuare le registrazioni sul libro paga-sezione-presenze o sul libro unico del lavoro, entro il giorno 16 del mese successivo a quello di riferimento, il ministero ha ricordato che non poteva essere sanzionato il mancato aggiornamento dei documenti entro il termine del giorno successivo a quello di svolgimento della prestazione lavorativa.

Fonte Ance

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico