Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto: tre giornate per studiare il Piano casa

Maggioli Formazione e Maggioli Editore organizzano tre giornate di studio dedicate ai “Piani casa” di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto. Gli incontri serviranno a fare il punto sulle leggi straordinarie che le tre regioni hanno approvato, d’intesa con lo Stato, per rilanciare lo sviluppo  del settore edilizio: un rilancio che passa attraverso interventi di ampliamento, riqualificazione e demolizione-ricostruzione. Durante i seminari, verranno fornite indicazioni operative per l’applicazione delle singole leggi regionali. 

UNA GIORNATA PER IL PIANO CASA LOMBARDO
Si parte venerdì 25 settembre, allo Starhotel Business Palace di Milano, con una giornata dedicata alla legge 13/2009 della Regione Lombardia. Questo il programma dettagliato:
• L’intesa Stato-Regioni del 1° aprile 2009
• I compiti dello Stato (semplificazione normativa) e delle Regioni (rilancio dell’economia attraverso leggi edilizie straordinarie).
• La legge regionale, le sue finalità ed i provvedimenti attuativi.
• L’entrata in vigore e la durata.
• I compiti e la potestà dei comuni.
• I titoli edilizi che legittimano gli interventi.
• Gli interventi di recupero edilizio e funzionale di edifici o porzioni di edifici.
• Gli interventi di ampliamento.
• Gli interventi di sostituzione (demolizione-ricostruzione con ampliamento).
• Gli interventi di riqualificazione dei quartieri di edilizia pubblica.
• Le condizioni di ammissibilità degli interventi e le limitazioni.
• Il contributo di costruzione.
• Le sanzioni.
• Il confronto con altre leggi regionali.

La scheda e le modalità di iscrizione

A BOLOGNA PER IL PIANO CASA DELL’EMILIA-ROMAGNA
La legge regionale 6/2009 dell’Emilia-Romagna sarà illustrata venerdì 2 ottobre all’Hotel Europa di Bologna. Relatrice: Paola Mengaroni, consulente Anci Emilia-Romagna in materia urbanistica ed edilizia e per lo sportello unico. Di seguito il programma della giornata:
• Intesa Stato, regioni, enti locali.
• Il provvedimento straordinario e il suo inserimento nella legge di “Governo e riqualificazione solidale del territorio”.
• Possibilità per i comuni di integrare le norme regionali.
• Limiti e condizioni per gli interventi di ampliamento, di demolizione e ricostruzione previsti in via straordinaria fino al 31 dicembre 2010.
• Titoli abilitativi, procedimenti edilizi.
• Sanzioni.

A VERONA, SEMPRE IL 2 OTTOBRE
Nella stessa giornata si svolgerà anche l’incontro dedicato al Piano casa del Veneto (l.r. 14/2009). Sede del seminario il Grand Hotel della città scaligera. Relatori: Romolo Balasso (architetto, presidente del centro studi tecnico-giuridici Tecnojus) e Mauro Cavicchini (studio legale tributario associato Dla Piper Milano). Il programma prevede i seguenti argomenti:
• Il quadro normativo di riferimento: intesa Stato-regioni; compiti dello Stato (semplificazione normativa) e delle regioni (rilancio dell’economia attraverso leggi edilizie straordinarie).
• La legge regionale, illustrazione generale: finalità; ambiti generali di applicazione; termine di efficacia delle disposizioni straordinarie; provvedimenti attuativi di regione e comuni.
• I compiti e le potestà dei comuni: ulteriori limiti e modalità di applicazione degli interventi straordinari; ulteriori incentivi di carattere economico; formazione degli elenchi.
• Gli interventi edilizi straordinari: tipologie, contenuto, modalità e condizioni generali e specifiche (art. 2 “interventi edilizi in ampliamento”, art. 3 “interventi di rinnovamento con ampliamento”, art. 4 “interventi di riqualificazione degli insediamenti turistici”, art. 11 “interventi a favore dei soggetti disabili”).
• I titoli abilitativi edilizi ed i procedimenti relativi: la denuncia inizio attività e l’asseverazione; gli altri titoli abilitativi eventualmente necessari; gli ulteriori adempimenti per l’inizio dei lavori; la fine lavori ed i relativi adempimenti.
• Gli interventi edilizi ordinari: art. 5 “interventi per favorire l’installazione di impianti solari e fotovoltaici; art. 10 “ristrutturazione edilizia”.
• Le relazioni e le correlazioni della Legge Regionale con le altre leggi di settore, regionali e nazionali: i regimi sanzionatori.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico