MADE expo, consigli contro la crisi

Mancano poche settimane alla seconda edizione di MADE expo, che si terrà dal 4 al 7 febbraio 2009. Con oltre 1.600 aziende per circa 95.000 metri quadrati di esposizione, la manifestazione si conferma un appuntamento di rilievo per il calendario fieristico nazionale.

Confermato il format espositivo della “federazione di saloni”, che rappresenta l’edilizia “pesante” accanto al mondo delle finiture e delle superfici, del progetto e dell’architettura. Innovazione tecnologica, design, sostenibilità e risparmio energetico, sicurezza e protezione e recupero: sono questi i cinque percorsi trasversali della prossima edizione.

DAGLI ORGANIZZATORI CONSIGLI AL GOVERNO
Per quanto riguarda la presenza degli espositori, i numeri presentati dagli organizzatori si rivelano già confortanti (più di 1.600 aziende presenti). “Nonostante il periodo non certo facile per le imprese italiane, il settore dell’edilizia cerca di trovare soluzioni nell’innovazione, nel progetto e nella ricerca”, commenta Giulio Cesare Alberghini, amministratore delegato di MADE eventi srl. La resistenza alla crisi emerge come tema centrale anche nelle parole di Rosario Messina, presidente di Federlegno-Arredo: “In un momento di difficoltà come quello attuale, sarebbero auspicabili per il rilancio del settore misure forti di sostegno all’edilizia da parte della domanda pubblica, come sta avvenendo in Francia e in Spagna, solo per citare due paesi a noi vicini”. Aggiunge poi Messina, con un consiglio rivolto al governo: “La sovvenzione al credito delle famiglie e gli aiuti finanziari per l’acquisto della casa ai giovani potrebbero rivolgersi sia agli immobili esistenti sia a possibili nuove costruzioni: in entrambi i casi si potrebbe legare l’aiuto pubblico alla sostenibilità e alla eco-compatibilità degli edifici, nella logica che se meno inquini più aiuti puoi avere. Ciò sposterebbe la domanda verso l’edilizia ‘verde’ e l’offerta si adeguerebbe velocemente”.

GLI EVENTI SPECIALI
L’eco-compatibilità sarà il tema dominante anche del grande convegno di apertura, intitolato “CityFutures. Architettura, design, tecnologia per il futuro della città”. All’incontro, secondo gli organizzatori, parteciperanno personalità politiche di stampo internazionale affiancate da alcuni fra i più importanti architetti internazionali. Tra questi, Gary Lawrence, Zheng Shiling, Lee Schipper e George Kunihiro.
Sempre in tema di innovazione, la manifestazione servirà da ribalta per i progetti di InstantHouse, concorso promosso da Federlegno-Arredo in collaborazione con la Regione Lombardia e il Politecnico di Milano. Settantadue giovani progettisti hanno proposto unità abitative singole e componibili per l’accoglienza dell’Expo 2015; al MADE saranno visibili i plastici dei progetti migliori e il prototipo del vincitore.
Uscendo dai confini del quartiere fieristico, il MADE proporrà un’installazione speciale accanto a Palazzo Reale. Si tratta di Toy Building, edificio-giocattolo ideato per celebrare i cento anni del manifesto futurista. Una sorta di palazzo delle meraviglie, pieno di sorprese, luci, suoni, trucchi, giochi, come in  un grande toy theatre del nuovo millennio.

Il sito della manifestazione

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico