Nuove norme UNI TS 11300, TerMus di Acca già aggiornato alle novità

Solo da pochi giorni sono uscite le nuove norme UNI TS 11300 parte 1 e parte 2, che contengono i criteri di calcolo per il fabbisogno energetico degli edifici per la climatizzazione estiva e invernale (leggi la notizia su Ingegneri.cc).

 

Molte le novità presenti nelle nuove versioni, che cambiano il lavoro dei certificatori energetici chiamati ad applicarli. Tra le più importanti segnaliamo la valutazione dei ponti termici solo attraverso i coefficienti lineici, l’incremento della importanza della ventilazione e delle relative perdite, la correzione del lambda in base alle condizioni di operatività, ecc.

 

La software house ACCA annuncia l’aggiornamento del software TerMus per la certificazione energetica.

 

Le ultime modifiche alle norme UNI TS 11300-1 e 11300-2 sono state implementate in una nuova versione del software insieme ad ulteriori aggiornamenti tecnici.

 

TerMus arriva alla versione 30 e relativamente alla revisione delle norme  11300 (parte 1 e 2) valuta:

1. i ponti termici con il calcolo agli elementi finiti,

2. calcola il periodo di riscaldamento e raffrescamento,

3. valuta gli apporti di energia termica dovuti alla radiazione solare,

4. calcola e determina la portata di ventilazione,

5. prevede lo scambio di energia termica verso ambienti non climatizzati ,

6. valuta l’energia termica latente, calcola il rendimento dell’efficienza di un recuperatore di calore,

7. calcola gli impianti aeraulici,

8. valuta il consumo energetico per illuminazione artificiale e il recupero termico con l’utilizzo di pompe di calore endotermiche.

 

Per la parte 3 delle norme 11300 e 10211, TerMus effettua il calcolo delle prestazioni energetiche in raffrescamento ed inoltre consente di creare un atlante personalizzato dei ponti termici con il calcolo agli elementi finiti conformemente alla norma  UNI EN ISO 10211.

 

Novità anche per la parte termotecnica

Novità importanti coinvolgono anche la fase di progettazione termotecnica rendendo questo aspetto del software sempre più completo e versatile. 

 

Sarà possibile ora valutare le caldaie con funzionamento parallelo o con priorità sull’acqua calda sanitaria, aggiungere più impianti gestiti in modalità parallela e sequenziale, valutare le prestazioni di piccoli impianti (termoconvettori a gas, monosplit) a servizio anche di un solo vano, suddividere l’unità immobiliare in zone termicamente autonome servite da uno o più impianti termici, da uno o più generatori di calore, gestire il riscaldamento e il raffrescamento mediante lo stesso impianto o con impianti distinti, produrre un certificato energetico unico per più unità immobiliari. Altro intervento di revisione e ampliamento ha riguardato gli archivi con l’inserimento di nuovi materiali , generatori di calore e macchine frigorifere.

 

Progettata e implementata una nuova home del programma in stile con il nuovo standard windows per un accesso immediato a tutte le risorse compresi strumenti e servizi sempre più smart . Particolarmente curata la parte dei servizi on line con video tutorial, forum, help su internet, faq aggiornate ai quesiti e alle risposte più frequenti.

 

Il campo  di azione del software diventa davvero esteso. Per i tecnici una opportunità ampia di operare anche su aspetti molto particolari e complessi della termotecnica sempre assistiti dal software.

 

… senza dimenticare le rinnovabili e il risparmio energetico

In tema di fonti rinnovabili e risparmio energetico altra importante novità riguarda Solarius-PV la soluzione professionale per la progettazione di sistemi fotovoltaici connessi alla rete elettrica di distribuzione (grid-connected).

 

Scambio sul posto, sistemi di accumulo, modelli e archivi sono i temi sui quali si è intervenuti concretamente. Per il nuovo scambio sul posto è stato aggiornato il limite massimo per la restituzione degli oneri generali di sistema nel caso di impianti alimentati da fonti rinnovabili, introdotta anche la gestione del nuovo ritiro dedicato e della nuova fiscalità. Con questa nuova versione è possibile progettare e verificare impianti fotovoltaici con sistemi di accumulo e gestire inverter con accumulo integrato. Rivisti ed aggiornati i modelli ENEL alle norme 2013, le tariffe di acquisto e gli archivi, per questi ultimi,  è stata fatta un attenta analisi di revisione sugli inverter e sui moduli mentre per le batterie è stato creato un nuovo archivio.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico