Parcheggi pluriplano. La realizzazione di Cesena

Dal giugno 2010 la città di Cesena dispone di un nuovo parcheggio situato in posizione strategica, ai bordi della città storica, in un’area precedentemente sguarnita di questo tipo di infrastruttura fondamentale per la vita urbana. L’intervento è stato realizzato per conto di Parcheggi spa, società del Gruppo Trevi leader nel settore con centinaia di parcheggi in Italia e all’estero, titolare di una convenzione con la municipalità cesenate per la costruzione e la gestione dei parcheggi in ambito urbano.

Si tratta di un edificio pluripiano a destinazione mista, con struttura portante a semipiani sfalsati interamente realizzata in elementi prefabbricati in calcestruzzo armato. Il livello seminterrato è riservato a 66 fra box e stalli in proprietà, mentre al piano terreno è presente una piccola area commerciale con bar. Dei quattro livelli fuori terra, i primi tre sono destinati al posteggio a rotazione per complessivi 260 posti auto pubblici, mentre l’ultimo piano è destinato a uso ufficio.

Profilo energetico
La costruzione è totalmente autosufficiente dal punto di vista energetico. Il fabbisogno termofrigorifero degli spazi abitabili è prodotto da due pompe di calore da 120 kW cadauna alimentate da quaranta sonde geotermiche profonde circa 125 metri, mentre l’energia elettrica è fornita dal campo fotovoltaico posto in copertura, con 336 pannelli che producono 125.000 kWh/anno, utilizzati anche per l’illuminazione degli spazi comuni e dell’autorimessa pubblica.

Profilo architettonico
Il disegno delle facciate è stato studiato per evitare l’immagine scarna e meramente funzionale tipica di molti parcheggi in elevazione. Sui prospetti si susseguono superfici opache e lucide con  ampie zone trasparenti composte da fasce verticali in vetro traslucido, illuminate di notte, alternate a lamiere stirate, per l’areazione delle superfici. L’ultimo piano, interamente trasparente e dotato di frangisole, è leggermente arretrato per alleggerire ulteriormente il volume.

Accessi
Gli accessi veicolari sono situati sul fronte lungo esposto a sud e offrono un determinante contributo alla qualità complessiva dell’edificio.
Per la scelta di portoni e serrande sono stati selezionati i prodotti Hörmann. Dal punto di vista tecnico, i portoni installati agli ingressi si distinguono per l’affidabilità, la fluidità e per la velocità dei movimenti di apertura e chiusura, compiuti centinaia di volte ogni giorno. Sotto il profilo estetico, le finiture adottate si sono rivelate più che adatte all’inserimento nel complesso della costruzione, la cui immagine è fortemente caratterizzata dalla presenza in facciata delle lamiere stirate.

Modelli, caratteristiche e peculiarità dei box
Presso il nuovo parcheggio multipiano lungo il fiume Savio, a Cesena, tutte le forniture relative ai sistemi di accesso e chiusura degli ingressi sono marcate Hörmann.

I portoni sezionali modello ALR sono tre:
– due laterali di larghezza 3.000 mm per l’ingresso all’area dei box privati, rifiniti con telai in alluminio anodizzato e rete stirata interna in tinta RAL 9006, motorizzazione WA 460 FU a frequenza variabile e logica di controllo particolareggiata e studiata insieme ai tecnici del committente, apertura con timer e autochisura temporizzata, apertura tramite digital key , badge etc.;
– uno centrale, ampio 6.000 mm, per il posteggio pubblico, le cui campiture sono realizzate rifiniti con telai in alluminio anodizzato e rete stirata interna in tinta RAL 9006, con superfici in lamiera stirata per accompagnare l’estetica dell’edificio.

I box sono delimitati da porte basculanti Berry N80, motivo 914, modello interamente forato per permettere la areazione richiesta dalla legge, colore Ral 9013 (bianco panna) e motorizzate con motori ProMatic.

Le vetrine del bar al piano terreno sono protette da due serrande HGL, in alluminio, con avvolgimento esterno.

L’intera commessa è stata seguita da Paolo Benzi, titolare della società Benzi Fratelli con sede a Rimini.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico