Pavimentazioni fotovoltaiche vetroceramiche

Un impianto fotovoltaico su cui camminare, come se fosse un comune pavimento, per la realizzazione di balconi, terrazze e piazze, che utilizzi “piastrelle fotovoltaiche” calpestabili. Un’innovativa concezione di integrazione tra architettura e tecnologie sostenibili, ideale per realizzare pavimenti esterni fotovoltaici in contesti pubblici e privati, che apre nuovi orizzonti e nuove potenzialità energetiche (leggi anche Vetro fotovoltaico. Uno sviluppo innovativo).

Una produzione di elettricità pulita dall’incredibile portata per le sue applicazioni: durevoli, resistenti agli agenti atmosferici e alla pressione come un pavimento tradizionale, presto le pavimentazioni fotovoltaiche potranno essere una soluzione molto interessante che combina integrazione totale, design, riduzione dell’impatto ambientale e versatilità (leggi anche Frangisole fotovoltaici, Efficienza e integrazione totale). Il tutto senza perdere spazio e utilizzando al massimo gli spazi esterni.

Il Photovoltaic Floor è stato progettato da Butech, dal 2006 spinoff ricerca e sviluppo controllato dal gruppo spagnolo Porcelanosa Grupo, in partnership con Onyx Solar, azienda specializzata in applicazioni per il fotovoltaico. La novità principale di questo sistema di pavimento tecnico sopraelevato fotovoltaico, rispetto ai pannelli standard, è l’uso di un sottile e resistentissimo vetro laminato integrato su ceramica Ston-ker®, che conferisce alla pavimentazione robustezza e durata paragonabile alla pietra naturale ed offre una garanzia equivalente ad una tradizionale piastrella da esterno, sia per la calpestabilità che per la resistenza ai carichi di arredi di grandi dimensioni.
Installato su una struttura di sostegno, il sistema di pavimentazione è composto da pannelli modulari fissati sull’estradosso del lastrico solare, in modo da ottenere sotto la superficie di calpestio un’intercapedine per i collegamenti elettrici e la manutenzione degli impianti: la rimovibilità dei pannelli permette infatti la rapida ispezione in qualsiasi punto, garantendo inoltre rapidità di posa e notevole versatilità nel caso di esigenze di adeguamento.
Il Photovoltaic Floor non è progettato per il traffico veicolare, ma è probabile che anche questa frontiera possa essere presto superata, come dimostrano gli ottimi risultati dei prototipi di strade fotovoltaiche realizzati dal progetto americano “Solar Roadways”, che recentemente ha riscosso un notevole successo grazie alla vittoria del concorso Ecomagination, promosso da General Electrics.

È necessario sottolineare che qualsiasi tipo di pannello fotovoltaico ha un rendimento maggiore quando i raggi solari lo colpiscono in maniera perpendicolare, dato che l’energia di una radiazione è proporzionale all’angolo incidente. Perciò, quando un pannello è posizionato orizzontalmente, esso risulta molto più sensibile alle radiazioni che provengono in verticale ed avrà quindi un rendimento maggiore quando il sole sarà ben alto nel cielo, come nei periodi estivi.

La collaborazione tra Onyx e Buthech ha già cominciato a dare i suoi frutti con la commercializzazione di un innovativo sistema ventilato di facciata fotovoltaico in ceramica, già distribuito con successo in tutto il mondo. Il Photovoltaic Floor è invece ancora in una fase di sviluppo da parte degli ingegneri: ancora non sono chiare le specifiche tecniche, quanta energia produrrà e, soprattutto, il prezzo, ma si sa che i pannelli fotovoltaici saranno prodotti secondo nuovi metodi più ecologici, che riducono sensibilmente la produzione di CO2 rispetto ai modelli tradizionali. I dettagli sono in fase di ultimazione e le due aziende si stanno impegnando per immette sul mercato questo nuovo progetto entro la fine del 2010, a testimonianza del primato spagnolo nel settore delle rinnovabili.

Articolo di Andrea Cantini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico