Porte a bilico a totale filo muro

Ottimizzare lo spazio abitativo e cura dei particolari architettonici, grazie a essenzialità e minimalismo. Con l’uso di porte a bilico a totale filo muro si riescono ad ottenere aperture di notevole dimensione, con un ingombro minimo degli spazi interni, dotate di un design diverso dalla classica idea di porta.

 

Non essendoci più stipiti, cornici, coprifili e cerniere a vista, essa arriva quasi a scomparire o meglio a mimetizzarsi, dato che sia il telaio sia il pannello possono avere la stessa finitura della parete. Le porte a bilico a totale filo muro danno la possibilità di coniugare estetica e praticità nei sistemi di apertura: ogni porta interna può aprirsi e chiudersi girando su se stessa e garantire la perfetta planarità nella parete, integrando nello stile generale dell’abitazione anche il progetto delle porte.

 

La filosofia alla base del sistema a totale filo muro ha ereditato il fascino delle antiche porte segrete, perfettamente inserite nell’arredamento, che nascondevano passaggi di cui si doveva ignorare l’esistenza. La funzione del “confondere” nella parete chiusure e passaggi rappresenta una grande potenzialità per i progettisti, rendendo questi sistemi perfettamente integrabili nell’architettura degli interni grazie alla capacità di rispondere ad ogni desiderio progettuale, idea d’arredamento o soluzione d’interno. Dividere gli ambienti con una porta senza che si interrompa la continuità visiva della parete su entrambi i lati presenta infatti molti vantaggi: oltre a risultare esteticamente piacevole ed elegante, è inseribile in qualsiasi contesto architettonico, grazie alla possibilità di avere lo stesso colore della parete o essere personalizzate ad hoc.

 

Se a ciò si uniscono i vantaggi di un sistema basculante a bilico verticale che permette alla porta di ruotare su se stessa con differenti gradi di apertura, si ottiene una soluzione d’interni capace di dare libero sfogo alla creatività, portando a sintesi un movimento estetico d’impatto e l’opportunità di risparmiare spazio nell’apertura. Grazie ad un sofisticato sistema di perni a scomparsa, l’anta o le ante hanno la possibilità di ruotare su se stesse, con battuta o senza, girando quindi da 180 a 360 gradi, con la possibilità di posizionare il perno di rotazione da un minimo di 6,5 cm di distanza dal montante, sino al centro esatto del pannello.

 

A livello costruttivo, il sistema è composto da una struttura nucleo in lega di alluminio estruso complanare al muro, predisposto per movimenti di apertura a spingere o a tirare, adattabile a tutti gli spessori di pareti, cartongesso o altro materiale, verniciabile con idropitture e smalti, ed un pannello tamburato a nido d’ape con spessore di 5 cm realizzato in legno duro perimetrale su quattro lati e facce in MDF levigato, fornito grezzo, ma disponibile anche con fondo in cementite pronto per essere tinteggiato nella stessa finitura della parete. Queste peculiarità tecniche annullano i limiti della creatività nelle dimensioni, nelle forme, nella funzionalità e nei materiali utilizzati: la porta può essere a tutta altezza, a due ante, avere differenti gradi di rotazione, si può scegliere di rivestirla o colorarla in maniera diversa ed è talmente solida che può essere utilizzata come una vera e propria parete da arredare che può portare su un lato un quadro e sull’altro una libreria, contenitori o scaffali.

 

Ultime novità del settore sono l’introduzione di soluzioni tecnologiche capaci di garantire caratteristiche REI di resistenza al fuoco (telaio in lega di alluminio con guarnizioni intumescenti per la tenuta dei fumi caldi, nucleo con distanziali di alluminio nei due angoli superiori e distanziali di irrigidimento per i montanti, rostri di tenuta), versioni fonoisolanti per l’abbattimento acustico, ma anche vere e proprie pareti rotanti (fino a 10 cm di spessore) fino alle porte blindate di ingresso.

 

Articolo di Andrea Cantini

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico