Riforma delle professioni: l’esclusione dal tavolo irrita Confedertecnica

Grande irritazione da parte di Confedertecnica, sigla sindacale che riunisce Geometri, Ingegneri e Architetti liberi professionisti, per la mancata convocazione da parte del responsabile del Ministero della giustizia, Andrea Orlando, durante gli incontri per la discussione della riforma delle professioni.

 

“Si apprende da una nota del Ministero della Giustizia che il ministro avrebbe ricevuto i rappresentanti delle professioni tecniche”, ha detto il presidente di Confedertecnica Calogero Lo Castro, commentando la vicenda e aggiunge categorico: “Smentiamo, come sigla sindacale che da decenni riunisce e rappresenta i liberi professionisti tecnici, di essere stati ricevuti dal Ministro Orlando, che non ci ha neppure convocati”.

 

L’origine del malumore del numero uno della Confedertecnica è in sostanza quello di avere ricevuto nell’ambito del tavolo per la riforma degli ordini professionali, “esclusivamente le emanazioni del suo stesso ministero, quali i Consigli nazionali di Architetti, Geometri, Geologi, Periti ed altri”, precisa Lo Castro.

 

“Nel ribadire la nostra disponibilità ad essere convocati – conclude il presidente di Confedertecnica -, sottolineiamo come sarebbe interessante per la politica, spesso accusata di rimanere lontana dalla realtà del lavoro, ascoltare la voce dei professionisti tecnici dalla fonte autentica della loro rappresentanza, piuttosto che identificare degli interlocutori di comodo“.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico