Sicurezza alimentare: i Geometri ne parlano a EXPO Milano 2015

Secondo i dati rilevati dall’ultimo Osservatorio Accredia, l’Ente unico nazionale di accreditamento, in collaborazione con il Censis, il 16% (circa 4 milioni) della popolazione si dichiara preoccupato della qualità dei prodotti che consuma abitualmente, il 53% ha perplessità in merito a specifiche categorie di prodotti ed il 30,7% si dice sicuro degli alimenti che consuma.

 

Complessivamente, quindi, circa 5 milioni di famiglie italiane esprimono il timore che molti alimenti possano essere preparati in modo non corretto o conservati senza seguire le apposite procedure.

 

All’analisi di un tema così vivo nell’opinione pubblica è dedicato il convegno Dalla progettazione igienica degli ambienti alla qualità in tavola, ideato e promosso da GEOMETRINEXPO (Consiglio Nazionale Geometri, Cassa Previdenza Geometri e Fondazione Geometri Italiani), con l’obiettivo di informare il grande pubblico, oltre agli addetti ai lavori, sulle specifiche competenze professionali dei Geometri in questo ambito, come i requisiti igienico-sanitari degli ambienti di produzione e trasformazione degli alimenti (ristoranti, caseifici, ecc.).

 

In Italia i controlli sull’agroalimentare sono tra i più rigorosi ed efficaci d’Europa e del mondo. A conferma di questo, sempre secondo i dati Accredia-Censis, si rileva che sono oltre 2,3 milioni le analisi condotte sugli alimenti presso laboratori accreditati, oltre 600 mila le ispezioni e 200 mila le analisi su campioni di prodotti effettuati da organismi del controllo ufficiale coordinati dal Ministero della Salute. Inoltre, i controlli sulla qualità dei prodotti alimentari effettuati da organismi coordinati dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, superano il numero di 30.000.

 

Nonostante questi dati si assiste ad uno scollamento tra la qualità effettiva del cibo che arriva alla tavola e quella percepita da una parte di consumatori, il cui giudizio non di rado è frutto di informazioni incomplete. Tanto che fra gli aspetti in cima alla lista delle preoccupazioni degli italiani ci sono la scarsa sicurezza dei prodotti alimentari (71%) e l’importanza delle garanzie igienico-sanitarie (85%), con un 40% di persone che ha bisogno di informarsi perché sente spesso parlare di alimenti contraffatti e poco sicuri.

 

In questa cornice diventa rilevante e centrale la circolazione di una corretta informazione ed è questo uno degli obiettivi del convegno oltre a quello di approfondire il ruolo e la figura del geometra, che oggi è in grado di offrire un contributo rilevante sulla sicurezza alimentare, includendo nelle misure volte a tutelare la salute e gli interessi dei consumatori, anche l’attenzione alla progettazione degli ambienti di lavoro nelle aziende alimentari. Se effettuata nell’ottica dei controlli sanitari, infatti, la progettazione igienica degli ambienti è una leva strategica per prevenire la contaminazione microbica dei prodotti alimentari e garantire l’igiene degli alimenti che vengono a contatto con le superficie di lavoro.

 

Il convegno – moderato da Livia Randaccio, Direttore editoriale di “Tecniche nuove” e patrocinato da UNI Ente Italiano di Normazione – prevede l’intervento di professionisti ed esperti del settore che illustreranno ai partecipanti le procedure finalizzate a garantire al mercato e ai consumatori cibi salubri e privi di rischi per la sicurezza alimentare.

 

Ai saluti istituzionali del Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli, si aggiungono l’introduzione ai lavori del Consigliere Nazionale Marco Nardinie i cinque interventi previsti (Milano, 21 maggio 2015 Galleria Meravigli – Via Meravigli n. 4/Via Gaetano Negri 6 – Ore 9,30/13,30):

1. Normazione tecnica volontaria, qualità e sicurezza alimentare

Ruggero Lensi, Direttore Relazioni esterne, Sviluppo e Innovazione UNI

 

2. Qualità degli alimenti: igiene e sicurezza alimentare. Il sistema HACCP

Patrizia Di Lelio, Ingegnere chimico, Docente Quality and Management Services

 

3. Contaminazione degli alimenti: progettazione e controllo di un servizio di ristorazione

Piero Ferrari, Tecnologo alimentare, Segretario nazionale FCSI

 

4. Applicazione di un sistema HACCP: conflitti e criticità per una corretta applicazione

Paolo Foti, Geometra, membro GEOSICUR – Associazione Geometri per la Sicurezza

 

5. Il controllo ufficiale nell’ambito della Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA)

Daniela Francesca Pozzi, ASL Milano, S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico