Sicurezza lavori in quota: chiarimenti sui dispositivi di ancoraggio, DPI oppure no?

La direzione generale della tutela delle condizioni di lavoro e delle relazioni industriali del Ministero del lavoro ha da poco diffuso una nota con alcuni chiarimenti sull’uso dei dispositivi di ancoraggio durante l’esecuzione di lavori in quota.

 

In particolare, i chiarimenti riguardano la differenza tra dispositivi che si considerano DPI o meno. Esistono due tipologie di dispositivi di ancoraggio.

 

Esistono dispositivi installati permanentemente nelle opere stesse e che pertanto sono caratterizzati dall’essere fissi e non trasportabili. Rientrano in questa categoria i dispositivi di ancoraggio per i lavori in quota che non seguono il lavoratore a fine lavoro, ma restano fissati sulla struttura, ancorché alcuni componenti del dispositivo o del sistema siano rimovibili, perché, ad esempio, avvitati a un supporto.

 

Questa tipologia di ancoraggio non rientra nel campo di applicazione del decreto legislativo n. 475 del 1992 e, pertanto, non deve riportare la marcatura CE come DPI. In pratica, è l’interpretazione del Ministero del lavoro, tali dispositivi sono da considerare prodotti da costruzione e come tali rientrano nel campo di applicazione del regolamento UE n. 305 del 2011 (per ulteriori informazioni invitiamo a leggere gli approfondimenti dell’ing. Marco Torricelli sul suo blog personale nel sito Ediltecnico.it).

 

La seconda tipologia di dispositivi di ancoraggio è caratterizzata dal fatto che segue il lavoratore, poiché non è installata permanentemente nelle opere di costruzione. In pratica, si tratta di attrezzature amovibili e trasportabili.

 

Per questo motivo e in accordo con quanto stabilito dal decreto legislativo n. 81 del 2008 (art. 74, comma 1 e art. 76 comma 1), tali dispositivi sono considerati DPI poiché:

– sono portati in loca e messi in opera dall’operatore;

– sono rimossi al termine del lavoro dal lavoratore stesso.

 

Ricordiamo che sul tema delle linee vita, dei dispositivi di ancoraggio e sulla sicurezza dei lavori in quota, Maggioli Editore in collaborazione con Sicurpal organizza un tour di seminari tecnici a partecipazione gratuita, durante i quali saranno, tra i vari argomenti, esaminate anche le diverse soluzioni per l’ancoraggio. Per conoscere il programmma completo e le modalità di iscrizione si invita a consultare la pagina dedicata all’incontro del 26 marzo a Trieste e quella del 17 aprile a Pescara.

 

Per ulteriori informazioni è possibile scaricare il testo integrale della circolare Dispositivi di ancoraggio per la protezione contro le cadute dall’alto – Chiarimenti

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico