Soluzioni per solai a struttura misto legno e calcestruzzo

Il crescente impiego delle strutture in legno non solo nell’ambito delle coperture, ma anche nei solai di calpestio, ha portato Wood Beton, una delle più rilevanti realtà a livello nazionale per la produzione diversificata di strutture in legno per l’edilizia, alla formulazione di un brevetto certificato per solai misti legno-cls collaboranti, senza connessioni metalliche.

La monoliticità tra il legno e la caldana di calcestruzzo è ottenuta senza l’impiego di connettori metallici, infatti il calcestruzzo stesso si innesta nelle apposite cavità (antiscorrimento) realizzate all’estradosso del travetto.

Il sistema Wood Beton
Il sistema Wood Beton è un orizzontamento misto legno-calcestruzzo per solai di copertura dalle ottime prestazioni statiche. Si può realizzare gettando la caldana di calcestruzzo in opera pertanto adattandosi a geometrie di cantiere complesse, nonché sotto forma di pannelli pre-assemblati in stabilimento da solidarizzare in opera. Le prestazioni sono paragonabili a quelle di un solaio in laterocemento di pari altezza, mentre il peso proprio è circa la metà. Il peso proprio è funzione delle performances prestazionali richieste, del tipo di assito impiegato nonché del tipo di calcestruzzo utilizzato, mentre la portata varia in base alle dimensioni dei travetti, allo spessore della caldana, alla presenza o meno dello strato di polistirolo. Confrontato con un solaio classico in legno, consente di ottenere notevoli riduzioni in altezza e un’economia di materiale di circa il 50%.

Prepanel®
Wood Beton Prepanel® è un solaio a struttura mista legno-calcestruzzo, utilizzato come solaio di calpestio o copertura, integralmente preassemblato in stabilimento. Un’innovazione che consente all’azienda bresciana di proporsi sul mercato con un’alternativa al tradizionale solaio in laterocemento o a lastre predalles, dal risultato estetico superiore e con un peso praticamente dimezzato.

Il calcestruzzo, in fase di getto, si innesta nei fori cilindrici scavati all’estradosso dei travetti, pertanto il sistema consente la connessione soletta/travetti senza l’utilizzo di connettori metallici.

Ogni pannello Prepanel® è costituito da numerosi travetti in legno posti ad un interasse variabile, collegati all’estradosso dalla soletta in calcestruzzo armata con rete elettrosaldata, una caldana che conferisce la monoliticità del pannello, interposto a vista e, a seconda dell’impiego, lo strato di isolante termico.

La larghezza di produzione del pannello standard è di 240 cm, ma può variare in funzione dei limiti di trasporto e può essere personalizzata per ogni singolo progetto in base alle specifiche architettoniche.

Prepanel evoluzione®
Prepanel evoluzione® è il sistema misto legno-calcestruzzo pensato per solai e coperture a intradosso piano che, grazie ai suoi molteplici vantaggi (inerzia termica, eccezionale rigidezza flessionale, ottima resistenza al fuoco e grande flessibilità d’impiego) è ideale anche per la costruzione di tetti curvi. Il pannello, ad intradosso piano continuo, è composto da varie tavole in legno lamellare di spessore 5 cm e larghezza di base 48 cm ciascuna. Tale piattabanda è resa staticamente collaborante con la caldana in calcestruzzo sovrastante attraverso dei connettori d’acciaio. Questi ultimi, ancorati lungo l’asse longitudinale mediano del tavolato, si possono eventualmente collegare con dei ferri correnti posti lungo la “serpentina”.

Tra il tavolato inferiore e la caldana superiore c’è uno strato di isolante termico con altezza variabile, in funzione delle prestazioni statiche del solaio.

Tra la piattabanda inferiore in legno e la caldana superiore in getto è posizionato uno strato di isolante, il cui spessore variabile è funzione delle prestazioni statiche e/o termiche richieste. Detto strato di isolante è continuo, non presenta cioè possibilità di ponti termici o acustici. Per l’impiego del pannello come solaio di calpestio, l’anima in acciaio potrebbe essere sostituita e/o integrata da una in calcestruzzo (fondamentale infatti diviene l’elevata prestazione statica, più facilmente ottenibile con la sezione mista).

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico