Studi di settore più clementi per i geometri

Gli studi di settore saranno corretti al ribasso. Come stabilito dal decreto anticrisi, l’Agenzia del territorio ha adeguato i dati dei contribuenti italiani alla nuova situazione generata dalla crisi economica (provvedimento 5851/2009). 

L’Agenzia ha già pubblicato sul proprio sito web un elenco di studi di settore per cui si prevede una revisione imminente. I nuovi studi di settore saranno applicabili a partire dal periodo di imposta 2009. 
Tra le professioni soggette a revisione rientra anche quella del geometra.
Stesso trattamento verrà riservato ad altri lavori autonomi e attività imprenditoriali del settore edile, con benefici per studi di architettura e per imprese che si occupano di:

– preparazione dei cantieri edili e sistemazione del terreno;
– noleggio di gru, attrezzature edili e macchine da cantiere;
– trivellazioni;
– coperture;
– demolizioni;
– opere di ingegneria civile;
– costruzioni di pubblica utilità;
– realizzazioni di ponti ed edifici.

L’elenco completo di queste professioni è consultabile sulla tabella preparata dall’Agenzia, nelle categorie TG69U, UK03U e UK18U.
Entro il mese di marzo, in tempo utile per la dichiarazione dei redditi del 2008, dovrebbe avvenire già un primo correttivo, così da adeguare gli studi revisionati alla realtà delle diverse categorie produttive. Ulteriori revisioni potranno essere apportate dopo le prossime dichiarazioni dei redditi, quando sarà più chiara la portata della crisi economica. Il termine per l’approvazione degli studi, fissato inizialmente a fine settembre, slitterà quindi molto probabilmente al 31 dicembre 2009.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico