Tecnologie di recupero delle pavimentazioni industriali

Le pavimentazioni industriali, interne ed esterne, sono continuamente sollecitate e richiedono una manutenzione come qualsiasi altro impianto. Le pavimentazioni possono essere indebolite da: usura, movimenti della struttura, cedimenti del fondo, sporco o materiali contaminanti (oli, nafta, prodotti chimici, ecc.) inoltre le pavimentazioni in calcestruzzo esterne, nei periodi invernali, sono soggette all’aggressione dei cicli di gelo e disgelo e a quella dei sali disgelanti. Questi fattori portano ad ammaloramenti localizzati o diffusi. Fare una costante e corretta manutenzione permette di risparmiare tempo e limitare costi indiretti (fermo produzione, o produttività).

Se in passato gran parte del mercato delle pavimentazioni industriali era dedicata al nuovo, oggi, sono le operazioni di ripristino, conversione e riqualificazione a essere maggiormente richieste.
Questo ha comportato, da un lato, una domanda sempre maggiore di materiali di qualità capaci di soddisfare le più disparate esigenze, dall’altra l’individuazione di personale altamente qualificato nella posa di tali prodotti.

Dal settore chimico, a quello alimentare, dalla meccanica pesante alla logistica; ogni settore ha le proprie caratteristiche ed esigenze per questo motivo è opportuno saper calibrare il giusto prodotto per ogni esigenza senza dimenticarsi di mettere in luce i possibili aspetti di criticità.
La Mazzucchelli – Pavimentazioni industriali e resine, azienda di Gallarate da oltre 30 anni sul mercato, è attiva in questo settore con solidi rapporti con i vari partner commerciali.

Gli operatori Mazzucchelli sono riconosciuti posatori certificati WeberFloor e utilizzano i prodotti della linea WeberFloor Durotop e Durolit, autolivellanti cementizi a rapida essicazione e ritiro controllato, specifici per il risanamento di pavimentazioni usurate siano esse interne che esterne.
L’azienda lombarda è inoltre riconosciuta tra gli applicatori specializzati BASF Costruction Chemicals e utilizza i prodotti della linea Ucrete (poliuretano cemento ad alte prestazioni) e Mastertop per la realizzazione di rivestimenti e pavimentazioni in resina. I prodotti permettono di essere posati con tempi decisamente ridotti. La velocità di applicazione permette di ripristinare fino a 2.500 mq. in una unica giornata.

Posa in opera
Esempio di ripristino di una pavimentazione in calcestruzzo e modalità di intervento con i prodotti ABS Durolit e ABS Durotop.

Calcolando una superficie di medie dimensioni di circa 2.000 metri quadri l’intervento si struttura nel modo seguente.
Per prima cosa si effettua una levigatura/pallinatura/fresatura della superficie, cioè si va a “grattare” in maniera invasiva la superficie rimuovendo a seconda dell’intervento da pochi micron a 1 cm. creando una superficie grezza e sana capace di favorire l’aggrappo del materiale.
Il secondo passo è l’apertura dei giunti di dilatazione ed eventualmente le fessurazioni presenti.

Se la pavimentazione lo richiedesse contemporaneamente all’apertura dei giunti verrebbero fatte delle iniezioni con della malta espansiva per consolidare il fondo che con il tempo potrebbe aver creato vuoti e quindi cedimenti superficiali.

Il resto del lavoro riguarda la stesura di due mani di primer d’aggrappo seguito dal pompaggio del rivestimento Abs Durolit/Durotop. Il pompaggio per metrature fino ai 2.000 mq viene fatto in una unica giornata lavorativa. A pompaggio ultimato è necessario riportare in superficie tutti i giunti di dilatazione e costruzione presenti sulla pavimentazione sottostante adoperandosi a sigillarli con resina poliuretanica elastica, protezione degli spigoli creati dalla taglierina.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico