Testo unico sulla sicurezza, il Ministero del lavoro sbroglia la matassa

Sul suo sito, il Ministero del lavoro fornisce chiarimenti a proposito del Testo unico sulla sicurezza (d.lgs. 81/2008). I chiarimenti riguardano diversi punti critici, dalla cartella sanitaria agli obblighi formativi, dalla sorveglianza sanitaria ai dispositivi di protezione individuale. Particolarmente interessanti sono i chiarimenti forniti sull’idoneità delle imprese appaltatrici e sulla nomina del responsabile lavori.


IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALI DELLE IMPRESE APPALTATRICI
(art. 26)
Si ricorda l’obbligo, per i datori di lavoro, di  valutare l’idoneità dell’impresa allo svolgimento dell’attività commissionata. La verifica non può essere solo formale, ma deve essere al contrario seria e sostanziale. In particolare, deve servire a valutare le capacità professionali e l’esperienza dei lavoratori.
La nota completa

NOMINA DEL RESPONSABILE DEI LAVORI (art. 89)
In riferimento al Titolo IV, il ministero fornisce dettagli circa la nomina del responsabile dei lavori da parte del committente. La nomina deve avvenire mediante incarico formale: vanno specificati con chiarezza i compiti che il committente intende trasferire al responsabile dei lavori; l’incarico deve essere trasferito in un atto scritto, che precisi la natura e l’estensione dell’incarico e dei compiti affidati. Solo in questo modo il committente potrà trasmettere i compiti di protezione e di salvaguardia al responsabile dei lavori. L’incarico non è pienamente assimilabile alla delega di funzioni da parte del datore di lavoro (d.lgs. 81/2008, art. 16) e non deve quindi rispettare gli stessi requisiti. Rientra tuttavia nel più generale ambito della delega di funzioni elaborata dalla dottrina e dalla giurisprudenza: deve perciò presentare i requisiti soggettivi e oggettivi di validità.
La nota completa

LE ALTRE QUESTIONI
Cartella sanitaria e di rischio (art. 25)
Quali sono gli obblighi del medico competente in merito alla gestione della cartella sanitaria e di rischio?
Formazione del RSPP e ASPP (art. 32)
Quali sono le modalità di organizzazione e di gestione dei corsi per responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) e addetto al servizio di prevenzione e protezione (ASPP)?
Formazione del datore di lavoro (art. 34)
Quali sono gli obblighi di formazione per il datore di lavoro che svolga direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi nonché di primo soccorso, di prevenzione incendi e di evacuazione?
Formazione dei lavoratori (art. 37)
Quale validità hanno i corsi già effettuati dai lavoratori? La docenza può essere affidata a un libero professionista)
Sorveglianza sanitaria (art. 41)
Quali sono gli obblighi a cui il datore di lavoro deve ottemperare in relazione ai rischi legati all’uso di attrezzature munite di videoterminali?
Formazione addetto primo soccorso e addetto antincendio (artt. 45 e 46)
Quali sono le modalità di organizzazione dei corsi di formazione per addetto al primo soccorso e addetto al servizio antincendio?
Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (art. 47)
Secondo quali modalità viene eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza?
Salute, sicurezza e condominio
Quali obblighi di sicurezza sono a carico del condominio?
Dispositivi di protezione individuale (art. 74)
Quali sono gli obblighi cui datori di lavoro e lavoratori sono tenuti ad ottemperare in materia di dpi?

Fonti:
Ministero del lavoro, Ance

Per approfondimenti:
Testo unico sulla sicurezza (tutti gli articoli)

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico