Undici cose che puoi fare con il Neopor® di BASF

Undici cose che puoi fare con il Neopor® di BASF

Lo chiamano il Grigio Originale per distinguerlo dalle numerose imitazioni presenti sul mercato. Il Neopor® di BASF è il polistirene espandibile di ultima generazione in grado di offrire elevate prestazioni isolanti grazie alle particelle di grafite presenti al suo interno.

La particolarità di questo materiale è la sua capacità di ridurre le perdite di calore attraverso pareti, solai e coperture dell’edificio oltre ad essere la soluzione ideale per interventi di isolamento termico che richiedano scarsi spessori, sia che si tratti di nuove costruzioni che di ristrutturazioni di edifici esistenti.

Ma, forse, quello che non tutti i tecnici dell’edilizia sanno è che il Neopor® ha un ventaglio di utilizzi davvero ampio all’interno del sistema casa: dal tetto alle fondamenta. Abbiamo individuato undici impieghi di questo materiale, eccoli in sintesi.

1. Isolamento per copertura piana

L’isolamento con lastre in Neopor® è idoneo alle coperture piane grazie alle eccellenti proprietà termiche ed alcune caratteristiche peculiari. La realizzazione di tetti piani prevede il rispetto di requisiti prestazionali elevati per il materiale isolante. Il tetto piano è infatti oggetto di sollecitazioni termiche, dovute alla radiazione solare durante i mesi estivi e al freddo nei mesi invernali a cui si aggiungono importanti sollecitazioni meccaniche dovute a vento, pioggia, ghiaccio o neve. I pannelli isolanti in Neopor offrono una soluzione ottimale per soddisfare tutti i requisiti prestazionali richiesti.

2. Isolamento in intercapedine con insufflaggio

Le strutture in muratura a cassa vuota permettono di realizzare elementi murari che presentano un’elevata tenuta agli agenti atmosferici, anche in condizioni di acqua piovana battente. I materiali isolanti realizzati con Neopor® possono essere impiegati per murature con intercapedine, sia nel caso in cui questa sia ventilata, come nel caso in cui non lo sia.

Nelle murature a cassa vuota lo spazio compreso tra i due paramenti murari, esterno ed interno, è in molti casi limitato. Grazie alla ridotta conducibilità termica dei materiali isolanti realizzati con Neopor®, si riesce ad ottenere un effetto isolante maggiore rispetto a quello offerto da soluzioni in EPS tradizionale.

È possibile eseguire interventi di riqualificazione energetica, iniettando direttamente le perle espanse di Neopor® di BASF all’interno delle cavità di pareti esistenti.

La leggera sovrappressione che si genera contribuisce a creare uno strato isolante che risulta privo di vuoti e particolarmente resistente.

3. Elementi cassero a perdere

Gli ICF (elementi-cassero a perdere) in Neopor® sono idonei alla realizzazione di murature le cui caratteristiche principali devono essere l’eccellente isolamento termico e la facilità d’esecuzione. Trovano largo impiego come elementi costruttivi sia per case monofamiliari che per condomini ed offrono un enorme potenziale di risparmio ai costruttori.

Con gli ICF in Neopor® è contemporaneamente possibile realizzare e isolare le pareti esterne. Questi elementi sono disponibili in spessori e modelli diversi, come elementi per architrave senza ponti termici, elementi terminali per solai, cassoni per serrande o sporti di gronda.

Grazie alle buone caratteristiche d’isolamento termico, gli ICF in Neopor sono adatti alla costruzione di case passive e a basso consumo energetico.

4. Isolamento del sottotetto

L’isolamento del solaio che separa gli ambienti abitati dal sottotetto non riscaldato gioca un ruolo importante per il risparmio energetico. L’utilizzo di pannelli in Neopor® ne consente la fattibilità in modo rapido, efficace ed economico.

Se il sottotetto è accessibile e richiede una pavimentazione calpestabile, occorre realizzare uno strato di protezione sopra i pannelli isolanti.

5. Isolamento per copertura a falda

È possibile utilizzare il Neopor® sia sopra che sotto o tra le travi strutturali della copertura.

Nel primo caso, la posa dei pannelli in Neopor® risulta continua ed assicura un isolamento omogeneo e privo di ponti termici.

In caso di riqualificazione di edifici esistenti, questo metodo di isolamento risulta ottimale quando si renda necessario il rifacimento dello strato di finitura della copertura e gli ambienti sottostanti (il sottotetto) siano già abitati o utilizzati. L’applicazione di elementi in Neopor® sopra l’orditura del tetto contribuisce inoltre alla protezione della struttura stessa, proteggendola dalle escursioni termiche esterne.

In caso di isolamento per copertura a falda sotto o tra le travi strutturali, l’operazione viene eseguita inserendo i pannelli isolanti in Neopor® tra le travi dell’orditura portante o al di sotto delle stesse. L’applicazione è particolarmente efficace quando occorre riqualificare un tetto esistente, ma lo spessore complessivo della copertura non può essere modificato per vincoli particolari.

Eventuali intagli longitudinali rendono i pannelli in Neopor® più flessibili agevolandone la posa ad incastro nello spazio a disposizione tra le travi. Quando vi fosse la necessità di isolare vani o cavità non raggiungibili direttamente coi pannelli, è possibile agire insufflando al loro interno il materiale isolante: le perle di Neopor espanse, vengono “soffiate” nelle cavità da isolare, riempiendo tutti gli interstizi e formando un isolamento termico continuo.

6. Isolamento a cappotto

I sistemi di isolamento a cappotto (ETICS) rappresentano una soluzione particolarmente efficace per l’isolamento termico di nuovi edifici per interventi di ristrutturazione.

Questo tipo di sistema isolante protegge le strutture portanti e le pareti esterne dell’edificio dalle sollecitazioni termiche e, allo stesso tempo, fornisce protezione dagli agenti atmosferici.

Il cappotto in Neopor® risponde ai più alti requisiti di isolamento termico, anche agli standard di “casa passiva” e di edificio “zero litri”.

I pannelli isolanti in Neopor® sono le lastre in EPS più utilizzate in Europa per l’isolamento delle facciate: più di dieci milioni di metri quadrati all’anno, testimoniamo il successo di un prodotto di qualità realizzato da BASF.

7. Isolamento del solaio

L’isolamento termico del solaio riduce sensibilmente la dispersione di calore verso il terreno o l’ambiente freddo sottostante. Grazie all’elevata resistenza alla compressione, i pannelli in Neopor® sono in grado di assorbire e distribuire il peso degli strati sovrastanti e quello dovuto ai sovraccarichi accidentali. Neopor, grazie all’elevata capacità isolante, permette l’utilizzo di pannelli più sottili e rappresenta quindi un’ottima soluzione in caso in cui ci siano altezze interne dei locali ridotte.

8. Isolamento in controplaccaggio

L’isolamento termico interno garantisce ottimi risultati in termini di coibentazione, sia per le nuove costruzioni, sia per lavori di ristrutturazione di edifici esistenti in tutte quelle situazioni dove l’isolamento termico esterno non risulti praticabile.

Grazie alle eccezionali proprietà termiche delle lastre isolanti in Neopor®, si riesce ad ottenere un migliore livello di isolamento termico con uno spessore inferiore rispetto ad un prodotto realizzato con il tradizionale EPS.

9. Isolamento di solai su spazi esterni o non riscaldati

L’isolamento interno con lastre in Neopor® del solaio su spazio non riscaldato (es. cantine, depositi, garage, ecc.) crea un taglio termico eccellente e riduce le dispersioni di calore verso gli ambienti sottostanti anche con l’impiego di lastre di ridotto spessore poste sotto il massetto del pavimento. I pannelli sono leggeri e possono essere sagomati in loco ma hanno un’ottima resistenza a compressione sotto carico, caratteristica indispensabile per l’isolamento sottopavimento.

10. Isolamento in facciata ventilata

Le facciate ventilate continue sono costituite da una struttura portante, dal materiale isolante, un’intercapedine ventilata e dal rivestimento di facciata. Impiegato per ragioni estetiche e di design, questo tipo di rivestimento esterno è realizzato su misura per adattarsi perfettamente alle caratteristiche di ogni specifico edificio.

Il sistema a “doppia pelle”, caratteristico di una facciata ventilata, consente di separare fisicamente lo strato che funge da protezione agli agenti atmosferici e quello di isolamento termico. L’isolamento può essere applicato in qualsiasi spessore desiderato. Possono essere quindi raggiunti valori di trasmittanza termica U conformi ai requisiti previsti dalle leggi vigenti e quindi adatti alla realizzazione di edifici a basso consumo e case passive.

Grazie alle sue eccellenti prestazioni isolanti, Neopor® è il materiale di riferimento per l’applicazione in questi sistemi di facciata.

11. Isolamento del perimetro e delle fondazioni

La perdita di calore dalle fondazioni al terreno circostante può essere notevolmente ridotta tramite l’applicazione di specifici pannelli isolanti Neopor®.

I pannelli per l’isolamento controterra in Neopor® possiedono buoni valori lambda ed elevate proprietà di isolamento termico. Inoltre, si mantengono stabili sotto pressione a differenti profondità di posa e sono altamente resistenti ad un terreno con normale tasso di umidità.

Durante la posa è importante seguire le specifiche tecniche in vigore in merito al tipo di applicazione. I pannelli isolanti in Neopor® forniscono anche alle fondazioni di un edificio una protezione efficace contro la perdita di calore.

I pannelli per l’isolamento controterra e delle fondazioni non possiedono caratteristiche di drenaggio o di impermeabilizzazione contro l’umidità.

Per ulteriori informazioni comprensive di dati tecnici, casi studio e approfondimenti invitiamo i lettori interessati a visitare il sito neopor.it.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico